Neil Young + Promise Of The Real

Earth

2016 (Reprise) | songwriter, alt-rock

Chiamate a raccolta alcune delle sue canzoni a sfondo naturalista, aggiunte quelle dell'album che ne fa da sorgente - "Monsanto Years" (2015) -, confezionato il tutto con campionamenti di versi d'animali e insetti, tuoni e fruscii e amenità assortite, Neil Young alza la posta della nuova crociata ecologista spalleggiato dai giovani Promise Of The Real con il doppio live "Earth".

Nessun motivo realmente musicale giustifica la sua esistenza, a parte una "Love And Only Love" estesa a suite di ventotto minuti, una significativa aggiunta al processo di trasformazione dei suoi classici in maratone sfinenti, un processo che parte da "Live Rust" (1978), passa per "Weld" (1991) e termina proprio con quel primo volume di "Road Rock" (2000) che è il suo ultimo album live prima del presente, eccettuati i recenti ripescaggi d'archivio.

Gli altri brani tratti da "Ragged Glory" (1990), dall'inno "Mother Earth" eseguito all'organo a "Country Home", così come gli altri classici ("Vampire Blues", già più indovinata per via dell'apporto delle percussioni rispettose dell'originale, una frignona "After The Gold Rush"), sono poco più di piacevole sottofondo. Non fa testo nemmeno il ritrovamento curioso, una "Hippie Dream" presa da uno dei più infausti dischi del suo più infausto decennio, "Landing On Water" (1986): Young non ripete il miracolo che gli era invece riuscito trasformando in versione acustica "Transformer Man" per l'"Unplugged" datato 1993.
I brani di "Monsanto", la maggior porzione dell'opera, acquistano perlopiù un belletto nuovo. Manca la canzone migliore, "Workin' Man", ma in compenso vi è un inedito peperino, "Seed Justice".

In realtà un po' tutte le canzoni sono attutite, frenate persino, per farne uno sfondo di predicozzo retorico (che peccato sentire la bella "Western Hero" conciata così) che ha un germe o meglio un virus in "Who's Gonna Stand Up" di "Storytone" (2014). In questo Young è per assurdo aiutato dagli stessi musicisti, in parte bravi scolaretti e in parte goffi assaltatori del suono. Completano il quadro clinico gli animali e i temporali che intervengono a casaccio nello svolgimento del brano in stile "vecchia fattoria", o mischiati tra gli applausi a simboleggiare la natura in ascolto a fianco del pubblico - capito la finezza? - o, peggio, sostituiti a quel leggendario feedback che apriva e chiudeva le sue canzoni negli anni ruggenti, e che aveva persino partorito un piccolo monumento di pittura sonora, "Arc" (1991): quello sì un gioiello di post-produzione. Disponibile sul suo Pono e Tidal, niente iTunes. Versione deluxe in triplo vinile. Non il miglior biglietto da visita per il tour 2016.

(30/06/2016)

  • Tracklist
Cd 1

  1. Mother Earth
  2. Seed Justice
  3. My Country Home
  4. The Monsanto Years
  5. Western Hero
  6. Vampire Blues
  7. Hippie Dream
  8. After The Gold Rush
  9. Human Highway

Cd 2

  1. Big Box
  2. People Want To Hear About Love
  3. Wolf Moon
  4. Love And Only Love
Neil Young su OndaRock

Monografia

Neil Young

The Loner

Recensioni

NEIL YOUNG

Hitchhiker

(2017 - Reprise)
Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG

Peace Trail

(2016 - Reprise)
Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Monsanto Years

(2015 - Reprise)
Il Loner insieme una giovane band per un concept d'attualità

NEIL YOUNG

A Letter Home

(2014 - Third Man)
Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG

Storytone

(2014 - Reprise)
L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Psychedelic Pill

(2012 - Reprise)
Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Americana

(2012 - Reprise)
La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional ..

NEIL YOUNG

Le Noise

(2010 - Reprise)
Il "loner" nel suo disco pił "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG

Fork In The Road

(2009 - Reprise)
L'album "ecologico" del loner canadese: dieci tracce con un mood sfacciatamente arioso ..

NEIL YOUNG

Chrome Dreams 2

(2007 - Reprise/Wea)
Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG

Living With War

(2006 - Reprise)

NEIL YOUNG

Prairie Wind

(2005 - Reprise)
Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG

Greendale

(2003 - Reprise)

NEIL YOUNG

Rust Never Sleeps

(1979 - Reprise)
Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG

Tonight's The Night

(1975 - Reprise)
L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale ..

NEIL YOUNG

Harvest

(1972 - Reprise)
Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG

After The Gold Rush

(1970 - Reprise)
La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse ..

News
Speciali

Neil Young + Promise Of The Real on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.