Ojerum

Vaev

2016 (Eilean Records) | ambient, elettronica

Nuovo album per l'etichetta francese Eilean Records e nuova perla elettroacustica da inserire nell'ormai foltissimo catalogo del 2016 (Chris DooksDaniel K. Böhm, Speck, Wil BoltonSaenïnvey). Stavolta è il musicista danese Paw Grabowski ad approdare presso l'etichetta d'oltralpe, e lo fa pubblicando una serie di registrazioni casalinghe, qui raccolte per formare un pregevole collage minimale di grande capacità ipnotica, impatto emotivo e ricerca sonora, capace di coniugare l'avanguardia elettroacustica con elementi dello psych-folk più meditativo e introverso.

La chitarra - pur arricchita da occasionali voci registrate, sovraincisioni, manipolazioni ed effetti - è lo strumento fondamentale di "Vaev". Lo scorrere continuo - senza sostanziali interruzioni - dato dagli undici brani è una sorta di flusso ipnotico-psichedelico creato da delicatissime strutture melodiche e narrative che descrivono visioni eteree di spazi interiori, solitudine non sofferente, un'intima malinconia che non è mai tristezza o depressione, ma che appare come presa d'atto di una "diversità" cosciente e orgogliosa.

Un elemento stupefacente del lavoro di Paw Grabowski è l'enorme semplicità delle composizioni; è sorprendente quanto "Oje" e la sua versione allungata "De Forste Hænder Abnede Sig Som Træer" riescano a introdurre l'ascoltatore in un'atmosfera da trip pschedelico, da viaggio sospeso nel tempo e nello spazio, con due soli accordi di chitarra solcati da un sofficissimo substrato sintetico.

Le trame delle corde di chitarra pizzicate incedono lentamente, ricche di pattern ripetitivi ("Hud"), melodie fiabesche ("Mine Hænder I Intet"), sottofondi granulosi ("Tage"), dialoghi tra fantasmi ("Ljilja"), inattese intrusioni di ritmi jazz ("Glasfugl"), fino agli arpeggi sognanti e intimisti della title track e della sua variante "Afsavn".

(10/10/2016)



  • Tracklist
  1. Hud
  2. Glasfugl
  3. Oje
  4. Mine Hænder I Intet
  5. Blodet Pa Horisontens Læber
  6. Ljilja
  7. Væv
  8. Tage
  9. De Forste Hænder Abnede Sig Som Træer
  10. Giv Os Mørket Tilbage
  11. Afsavn


Ojerum su OndaRock
Recensioni

OJERUM

Nattesne

(2019 - Eilean Records)
Uno dei vertici espressivi del musicista e artista di collage danese

OJERUM

Stilhedens Strømmen I Fuglenes Blod

(2018 - KrysaliSound)
Folk e ambient si legano nelle trame sonore del pittore e musicista danese

OJERUM

He Remembers There Were Gardens

(2017 - Krysalisound)
Il compositore danese in un'ideale colonna sonora del cortometraggio post-atomico "La Jetée" (1962) ..

OJERUM

Landscape With Silent Figure

(2017 - Unknown Tone Records)
Il piccolo Ep ambient del musicista danese

Ojerum on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.