Oranssi Pazuzu

Värähtelijä

2016 (Svart Records) | psychedelic black-metal, space-metal

Con "Värähtelijä", gli Oranssi Pazuzu confezionano probabilmente il loro disco più rigoroso in quella zona di confine dove il black-metal incontra sonorità spacedeliche. Con un sound ancora più curato e architetture meglio congegnate, per quanto non necessariamente più creative rispetto a quanto prodotto in passato (si pensi soprattutto all'esordio "Muukalainen Puhuu", per cui qualcuno parlò di una "versione hippy degli Aluk Todolo"), la band finlandese mette sul piatto un robustissimo trip sonoro di scarsi settanta minuti, in cui assistiamo alla declinazione di un sound avvolgente e visionario, capace di tramortire mentre agisce sugli strati più profondi della psiche.

Il biglietto da visita, "Saturaatio", propulso da un riff stoner-doom, è fatto di atmosfere dilatate che, lungo perimetri ritmici in 5/4, incrociano wah-wah su di giri, lampi dark e tornado cosmici. Che le cose non siano destinate alla tranquilla riproposizione di un cliché, lo conferma subito dopo la liturgia del male "Lahja", il cui tribalismo sciamanico si colora di trame surreali grazie a un vibrafono che minimalisticamente riecheggia sullo sfondo. Fumi misterici li ritroveremo anche in coda, nei dieci minuti di "Valveavaruus", che chiama a raccolta arpeggi orientaleggianti e si scioglie in progressione marziale.

Ricercando, oltre al tormento, anche l'estasi, in "Värähtelijä" la band stordisce i Pink Floyd a suon di kraut-rock inacidito, veleggiando verso la baia di un dolce incubo. Con la doppietta "Hypnotisoitu Viharukous" - "Vasemman Käden Hierarkia" (quest'ultima, di oltre diciassette minuti) entriamo, invece, in pieno territorio sci-fi. Se la prima lancia nel frullatore Chrome e Nachtmystium, senza precauzione alcuna, la seconda (uno degli affreschi più potenti della loro carriera) è un kammerspiel mutante che ci proietta nel bel mezzo di un universo in via di formazione, tra rovinose accelerazioni, scarti strumentali e fluttuazioni siderali. Un effetto ottundente lo ottiene, invece, "Havuluu", con un riff ripetuto a oltranza e la furia luciferina del black-metal.

Oscuro, denso, visionario e sferzante, "Värähtelijä" finisce direttamente tra i migliori dischi dell'anno.

(23/07/2016)

  • Tracklist
  1. Saturaatio
  2. Lahja
  3. Värähtelijä
  4. Hypnotisoitu viharukous
  5. Vasemman käden hierarkia
  6. Havuluu
  7. Valveavaruus
Oranssi Pazuzu on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.