Ornaments

Drama

2016 (Inri) | doom, post-rock

Il supergruppo degli Ornaments (Bringhenti, Gherardi, Baraldi, Zanotti) ha già messo agli annali il sopravvalutato “Pneumologic” (2013), post-rock alla GY!BE con le classiche venature metal del caso. Supponente e ridondante, viziato da un cattivo missaggio e da ripetizioni ossessive, spreca momenti topici come il theremin distante in “Galeno”, un tocco di colore nella monocromia generale. In ogni caso, l’insieme ha una sua imponenza di vasta architettura sfinente.

“Drama” è una nuova abbondante infornata di post-doom-Neurosis-Isis e via dicendo. L’attacco di “Efesto” suona però come una tremebonda, gotica, industriale colata di elettricità sinfonica, un gioiello di impasti sonori deformi, una signora overture.
Segue una carrellata d’improvvisazioni strumentali di media durata, da “Prometheus”, probabilmente la più impetuosa, orientata al metal progressivo, a una “Ermes” che cerca di superarla in ira: distorsioni, batteria isterica, e una certa perizia tecnica, non riescono a nascondere la mancanza di veri spunti drammatici. Il combo non ha né la vis né la fantasia né l'audacia dei Don Caballero. Due grand-ballad, peraltro sovrapponibili tra loro, “Aeternal” e “Oceano”, formule di strega sussurrate e poi gorgheggiate in un crescendo Jeff Buckley-iano di gemiti soul, sono tentativi incerti di rinnovare il dark-metal fiabesco.

Cinquantacinque minuti in tutto e solo sette, tra “Efesto” e le strimpellate spettrali di “Io”, davvero poetici. Si salvano anche gli ospiti, l’ugola di Lili Refrain e il cello di Daniele Rossi. Ispirato al “Prometeo incatenato” di Eschilo, impressiona non tanto per la rabbia sonica, ma per come si trasformi magicamente da eruzione a brodino allungato. Una nota di copertina - “it should be listened to completely and without changing the sequence of tracks” - che diventa mezzo autogol perché, verso la fine, tono e cadenza s’appiattiscono l’un l’altro. Meglio i Kirlian. Co-produzione Inri-Tannen.

(08/12/2016)

  • Tracklist
  1. Efesto
  2. Prometheus
  3. Oceano
  4. Ermes
  5. Aeternal
  6. Suneidesis
  7. Io
  8. Zeus
Ornaments su OndaRock
Recensioni

ORNAMENTS

Pneumologic

(2013 - Tannen)
L'esordio della band emiliana, tra filosofia e pulsioni ancestrali

Ornaments on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.