Radio Dept.

Running Out Of Love

2016 (Labrador) | synth-pop, dream-pop

Come accadde per il terzo album "Clinging To A Scheme", anche questa nuova avventura dei Radio Dept. si è fatta attendere per diverso tempo. Le avvisaglie del quarto album si sono avute dal 2010 ad oggi con il rilascio di svariati singoli o Ep, utili a individuare la direzione stilistica intrapresa dalla band. Soprattutto con "Death To Fascism" e "Occupied", uno del 2014 e l'altro del 2015, è stato chiaro fin da subito il cambio di rotta abbastanza deciso. Seppur sempre marchiata da una malinconia e una levità tipica del gruppo svedese, la spinta verso il ritmo e il quasi abbandono delle trame shoegaze indirizza il mirino verso un dance-pop screziato e fumoso, un po' come se i Depeche Mode suonassero il repertorio di una qualche formazione della Sarah Records.

Nonostante lo stranimento al cospetto della drum-machine incessante della già citata "Occupied" - notare il vago sapore twinpeaksiano del synth di sottofondo - sia notevole, ciò che sorprende è la totale naturalezza con cui Duncansson e soci riescono a gestire strutture ritmiche mai affrontate in passato. La straordinaria intensità di "Swedish Guns" ne è un esempio: associati all'usuale cantato appena sussurrato abbiamo strascichi di synth, pulsazioni decise e qualche squarcio di chitarra, il tutto confezionato con una perizia che incanta. Sulla stessa scia di collocano le belle trame sintetiche di "We Got Game" e "Can't Be Guilty", con le uniche eccezioni fuori dal coro, riconducibili agli esordi, rintracciabili in "Sloboda Narodu" e "Commited To The Cause".

Rimangono da segnalare le ariose sospensioni ambient della title track strumentale e l'insolita solarità del twee-pop elettronico di "This Thing Was Bound To Happen". La lunga chiusura di "Teach To Forget", robotica e perfino ballabile, mostra tutta la flessibilità stilistica dell'ensemble svedese, eliminando completamente l'uso delle chitarre e creando le stesse atmosfere irresistibili di "Lesser Matters" senza stridore ma semplicemente con strumenti diversi.
A margine di qualsiasi considerazione sulle nuove canzoni, gli ascoltatori più attenti avranno comunque ravvisato che le pulsazioni elettroniche sono sempre state più di un contorno per i Nostri fin dagli esordi, dunque questa evoluzione è molto più naturale di quanto si possa percepire ascoltando le tracce di questo ultimo disco.

Non un semplice album di risulta né un indeciso passo di transizione, "Running Out Of Love" rappresenta un altro importante tassello nell'importante carriera dei Radio Dept.
Sempre coerenti con se stessi e mai al di sotto di un certo standard qualitativo, confermano con quest'ultima prova la propria identità come formazione di punta nell'ambito del pop indipendente.

(08/10/2016)



  • Tracklist
  1. Sloboda Narodu
  2. Swedish Guns
  3. We Got Game
  4. Thieves Of State
  5. Occupied
  6. This Thing Was Bound To Happen
  7. Can't Be Guilty
  8. Committed To The Cause
  9. Running Out Of Love
  10. Teach Me To Forget
Radio Dept. su OndaRock
Recensioni

RADIO DEPT.

Clinging To A Scheme

(2010 - Labrador)
Le trasognate mutazioni della band di punta dell'indie-pop svedese, al suo atteso terzo album

RADIO DEPT

Pet Grief

(2006 - Labrador)

RADIO DEPT

Lesser Matters

(2003 - Labrador)

Radio Dept. on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.