Russian Circles

Guidance

2016 (Sargent House) | post-metal

Mai dare per scontata la sopravvivenza di una band: non tanto per la difficoltà di tenere umanamente unite personalità diverse lungo il corso degli anni, quanto per la pressante sfida di rinnovarsi a ogni passo senza snaturare la propria identità, sempre uscendo indenni dal tritacarne degli hype a scadenza immediata.
In un periodo storico dove l'ondata dei vari gruppi post- strumentali, affermatisi nel decennio scorso, sembra attecchire solo su pochi affezionati, il caso dei Russian Circles rimane un mistero solo a metà: dopo un momentaneo impasse, infatti, il trio di Chicago ha coraggiosamente deciso di tener fede alla propria marca stilistica, prendendosi tutto il tempo necessario per dare forma a saggi di grande potenza e suggestione, vincendo la dura prova degli anni e delle mode passeggere.

Serviva una buona conferma del ritorno di fiamma risalente a tre anni fa, e infatti "Guidance" non smentisce l'efficace sintesi avvenuta nel solenne "Memorial". I primi commenti e giudizi apparsi in rete sembrano concordi nel parlare di un ultimo lavoro piuttosto fatalista, complessivamente più aspro e viscerale dei precedenti. Da un lato è vero che l'album vanta forse un approccio meno artefatto alla composizione, cogliendo diverse occasioni per dare pieno sfogo a distorsioni massive ("Vorel") in un interplay implacabile, che unisce i momenti più drammatici del secondogenito "Station" a uno scurismo doom che sfiora quasi i Godflesh.

Altrettanto evidente, però, è la mai forzosa alternanza con le visioni luminose del nuovo corso debolmente inaugurato da "Empros", ormai elaborate dal trio con piena cognizione e senza alcun timore di svelare un lato sensibile: potremmo a buon diritto indicare "Mota" come una versione rock delle sognanti cavalcate dei port-royal; con estrema spontaneità poi, in "Afrika", un'epica cadenza alla Explosions In The Sky sfuma in un riff black metal coadiuvato all'unisono da batteria e basso ruggenti.
Con simili intuizioni i Russian Circles scontano i fisiologici cali di tensione e i conseguenti cliché nelle sequenze più distese, e giungono ai primi dieci anni d'attività in forma tutto sommato invidiabile dalla maggior parte dei comprimari.

(10/08/2016)

  • Tracklist
  1. Asa
  2. Vorel
  3. Mota
  4. Afrika
  5. Overboard
  6. Calla
  7. Lisboa
Russian Circles su OndaRock
Recensioni

RUSSIAN CIRCLES

Memorial

(2013 - Sargent House)
I paladini del post-metal strumentale nel loro ritorno pił convincente

RUSSIAN CIRCLES

Empros

(2011 - Sargent House)
Ancora poca incisività dal trio strumentale americano

RUSSIAN CIRCLES

Station

(2008 - Suicide Squeeze)

Torna il post-rock apocalittico della band di Chicago

RUSSIAN CIRCLES

Enter

(2006 - Flameshovel)

Russian Circles on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.