Sarah Neufeld

The Ridge

2016 (Sn Music) | post-minimalism

La collaborazione con Colin Stetson ha finalmente sdoganato il profilo stilistico di Sarah Neufeld. Il richiamo al suo passato con gli Arcade Fire non è più l'unico punto di referimento per i critici e per gli appassionati delle sue divagazioni musicali a base di violino, voce e synth. "The Ridge" gode infatti di tutte quelle attenzioni che furono negate a "Hero Brother", un esordio fragile ed evanescente, dotato di una forza espressiva notevole, caratterizzata da una malinconia quasi solare.

Il fascino del nuovo progetto di Neufeld è strettamente connesso all'attrazione subliminale del violino, oggetto fisico di divagazioni tecniche e armoniche spesso prive di una linea guida ben definita.
"The Ridge" privilegia il virtuosismo strumentale, dando vita a un album discontinuo e indisponente. La title track, ad esempio, con il suo mix di Vivaldi e pop-rock stile Arcade Fire crolla inesorabilmente in un patchwork alla Vanessa Mae, mentre il delicato folk-ambient di "They All Came Down" ripercorre sentieri familiari e quasi mainstream (Enya, Loreena McKennitt) senza avere lo spessore melodico adatto.

Non mancano ovviamente delle piccole perle, come la magica e ambigua "The Glow", enigmatica ballata elettronica sostenuta da un brioso pizzicato di violino, mentre tra le performance impreziosite dalla presenza della guest star Colin Stetson si segnala l'incalzante longue-folk di "Chase The Bright And Burning", una perfetta colonna sonora per un film post-apocalittico.
Il tono generale di "The Ridge" resta comunque interessante, soprattutto quando Neufeld estrae dal suo strumento improbabili e inediti soluzioni armoniche, inseguendo in parte la tecnica pluriarmonica dell'amico Stetson: le ibridazioni stilistiche di "A Long Awaited Scar", "We've Got a Lot" e "From Your Animal" assumono in tal guisa una valenza creativa ben maggiore del loro incerto fascino epidermico.

Chi è stato folgorato dall'ottimo "Never Were The Way She Was" difficilmente ritroverà in "The Ridge" la stessa forza creativa e innovativa, ma resta difficile negare a Sarah Neufeld una buona dose di buon gusto e sensibilità artistica, quella che riaffiora nella conclusiva "Where The Light Comes In", rinfocolando la speranza di un futuro più luminoso e convincente.

(03/04/2016)



  • Tracklist
  1. The Ridge
  2. We've Got A Lot
  3. They All Came Down
  4. The Glow
  5. Chase The Bright And Burning
  6. A Long Awaited Scar
  7. From Our Animal
  8. Where The Light Comes In




Sarah Neufeld on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.