Shura

Nothing's Real

2016 (Polydor) | alt-pop, synth-pop

Ventisei milioni, 624 mila e 520. Tante sono, in questo preciso istante, le visualizzazioni ottenute dal primo video di Shura, "Touch", su YouTube, un mezzo forse più indicativo dell'impatto di un brano, di un'immagine e di un artista sul pubblico rispetto alle copie effettivamente vendute; tanto è bastato alla Polydor per aggiudicarsi nella propria scuderia (su licenza Bsessi Ltd.) questa ragazzotta introversa dalla strana pettinatura, un'anti-diva che ricorda qualche compagna di classe che abbiamo avuto al liceo - quella "simpatica", magari un po' goffa ma con cui in fin dei conti andavamo tanto d'accordo.
Shura nasce come Aleksandra Denton in Russia, da un'attrice russa e un documentarista inglese; ha un fratello gemello, Nicholas, che coinvolge nei suoi video e di cui parla, malandrina, durante un frammento audio riportato nel secondo interludio (all'interno del booklet si scusa con lui per non aver sempre lavato diligentemente i piatti...) e il suo primo approccio con la musica è stato da bambina, quando il padre le insegnò a suonare la chitarra ascoltando John Martyn e Simon & Garfunkel. Riferimenti che suonano bizzarri e fuori posto, ascoltando un debut album in cui a dominare sono senza dubbio i sintetizzatori.

Si è fatto attendere a lungo, "Nothing's Real". Aleksandra nel frattempo ha tenuto banco pubblicando singoli, cantando dal vivo e parlando alla stampa dei suoi progetti, della sua vita, delle sue influenze. Parlando anche, assai candidamente, della sua omosessualità e di come un video come "What's It Gonna Be?" possa dare la forza ad altri ragazzi e ragazze a fare coming out, quasi fosse un aggiornamento - stavolta con lieto fine - di quel clip ancora oggi così propedeutico che fu "Smalltown Boy" nel lontano 1984. Non che siano mancati cantanti capaci di veicolare questi messaggi, ma come il collega Olly Alexander degli Years & Years, la nostra si presenta senza complicati giochi di parole (in quanti si accorsero, oltre trent'anni fa, del significato del testo di "Drop The Pilot" di Joan Armatrading?) e senza provocare per il semplice gusto di farlo. Si canta la normalità dell'amore e del desiderio, celebrandone le gioie e trovando conforto nelle note, nei synth morbidi e accomodanti, quando non tutto va come avremmo voluto.
Niente paura, perché "Nothing's Real" non è il diario intimo di una post-adolescente ma un insieme di storie, di frammenti di vita quotidiana scritti e prodotti con gusto all'insegna di un modernariato vintage che tante soddisfazioni ha già portato a realtà come Chvrches, Bright Light Bright Light e Christine and the Queens. Molto si è già detto sulla somiglianza di molte atmosfere del lavoro con il materiale di Madonna degli anni Ottanta, in particolare "Like A Virgin", ma Shura non intende affatto esserne la sosia. Non è abbastanza esuberante, ma sfrutta come può una voce elegante ma non straordinariamente potente, tutto sommato adatta per il materiale che propone e che ha confezionato con l'aiuto di un professionista come l'ex-Athlete Joel Pott - già collaboratore dei London Grammar, di George Ezra e James Bay - ma anche di Greg Kurstin, vincitore di tre Ivor Novello Award, che lo scorso anno ha fatto centro con "Hello" di Adele.

L'interno del digipack mostra un mondo reale e uno disegnato sovrapposti, quasi un riferimento al video di "Take On Me" degli a-ha; Shura è intenta a guardare un programma da un piccolo Tv color, c'è uno skateboard appoggiato alla parete della sua stanza vicino alla porta da cui sta entrando un dinosauro, ci sono 33 giri tirati fuori da una libreria con accanto un vecchio boombox a cassette, e sollevando il cd notiamo un mixer, chitarre e due tastiere. Un microcosmo suggestivo, tra passato e presente, fantasia e realtà, che parte con la narrazione di un attacco di panico (la title track) su una lussureggiante base disco, tra "Supernature" di Cerrone e la Kylie Minogue di "Fever" e finisce con il synth-pop pettinato di "White Light" (la versione digitale contiene una tredicesima traccia, "The Space Tapes", che toglie compattezza al risultato complessivo), passando per un gioco continuo di riferimenti eighties a volte solari (i Fleetwood Mac di "Everywhere" fanno capolino in "Indecision", filtrati dalla sensibilità indie-pop dei primi Craft Spells) e a volte crepuscolari (se Jimmy Jam e Terry Lewis avessero dato "Human" a Janet Jackson anziché agli Human League sarebbe emerso qualcosa come "2Shy"). C'è l'Alison Goldfrapp più pop in "Make It Up" e ci sono i sintetizzatori di "Africa" dei Toto - ascoltare per credere - nella piacevolmente madonnara "Tongue Tied", c'è una hit di cui Natalie Imbruglia avrebbe un bisogno disperato per riemergere ("What Happened To Us?") e un R&B più contemporaneo in "Touch", amarognolo commiato a una storia destinata a chiudersi ("...but it's too late").

Non c'è traccia degli artisti amati dal padre di Aleksandra, e neppure di KT Tunstall - cantautrice scozzese spesso citata durante le interviste come fonte d'ispirazione. Ma ci sono tante tracce, per tutta la durata del disco, di una famiglia presente (a partire dallo scherzo sullo sticker in copertina: "Il disco cresce con ogni ascolto", garantisce Shura's Mum!); un messaggio se possibile ancora più forte e chiaro del bacio tra due ragazze o due ragazzi nei video cui potete accedere qui a destra. Se il Jimmy Somerville del 1984 era infine rifiutato dai genitori dopo essere stato vittima di un'aggressione omofobica, nel 2016 c'è la concreta possibilità che i giovani come Shura possano essere felici e sentirsi amati nel proprio nido, così come nella propria cerchia di amici. Laddove il pop patinato di "Nothing's Real" può non sembrare così rivoluzionario alle nostre orecchie, e ci può nascere il dubbio sulla freschezza di una formula revivalista già così ampiamente sfruttata negli ultimi dieci anni, Shura convince perché abbatte i muri, trasmette un autentico senso di libertà senza rifugiarsi in stereotipi triti e da chiudere ermeticamente una volta per tutte dentro un baule.

Non serve essere una femme fatale ammiccante per fare la popstar, basta avere qualcosa di originale da dire o saperlo dire in modo originale. E qui il percorso sembra essere quello giusto. La speranza è che il coraggio di una scelta di trasparenza con il suo pubblico, senza che però essa diventi unico elemento di cui si debba tenere conto, si accompagni a quello di progettare una carriera che non svanisca in un soffio, ma che possa per contro maturare e dare frutti ancora più gustosi.
"Nothing's Real"? No, è tutto vero. Basta premere play e...

(02/08/2016)

  • Tracklist
  1. (I)
  2. Nothing's Real
  3. What's It Gonna Be?
  4. Touch
  5. Kidz n Stuff
  6. Indecision
  7. What Happened To Us?
  8. (II)
  9. Tongue Tied
  10. Make It Up
  11. 2Shy
  12. White Light
  13. The Space Tapes (digital download only)






Shura on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.