Snowpoet

Snowpoet

2016 (Two Rivers) | folk-jazz, art-pop

Nata a Dublino ma residente a Londra, premiata nel 2013 con il Kenny Wheeler Prize, laureata alla Royal Academy Of Music e vincitrice del Jazz Fm Award del 2016, Lauren Kinsella è una vocalist jazz poliedrica e temeraria.
Negli ultimi anni ha intrapreso una serie di collaborazioni con musicisti francesi (il sassofonista Julian Pontvianne), turchi (Onur Turkmenn) e irlandesi (Ian Wilson), conciliando altresì la sua passione per i bambini con performance di arte visuale e teatrale per l'infanzia.

Il progetto Snowpoet nasce dall'incontro di Lauren con il polistrumentista Chris Hyson, e il risultato è un album introspettivo e riflessivo che mette in campo melodie ricche di preziosi dettagli, che danno forma ad armonie maestose che trascendono la fragilità poetica degli elementi e i teneri fraseggi strumentali.
Jazz e folk coniugano un pregiato verbo musicale, dove alla forza visionaria di Bjork e Laurie Anderson si associa la modernità lessicale dei Portishead e dei Sigur Ros, senza trascurare le suggestive e glaciali atmosfere di Rebekka Karijord e Ane Brun.

"Snowpoet" è un album ricco e complesso, nel quale la musica frequenta i sentieri dell'arte, senza tralasciare la grande forza creativa della comunicazione emotiva.
Si ascolti ad esempio "Waves", fulgido esempio di come un pregevole fingerpicking possa trasmutarsi in una celebrazione eucaristica del noise e del ritmo, due elementi sonori che (come acqua sotto la sabbia) smuovono l'apparente dolcezza del brano, destabilizzandone la percezione cerebrale e passionale.

Pur dotata di una voce potente, Lauren ama il bisbiglio e il tono confidenziale della voce: il duetto con piano e ritmi elettronici di "In A Quiet Space" è una di quelle delizie che solo Beth Gibbons aveva lambito col suo canto. Un parallelismo che in parte si ripete nella più corposa e incisiva "Glad To Have Lost", un brano dalle superbe geometrie ritmiche jazzy in bilico tra folk e trip-hop.
L'idillio sonoro è incessante, così accade che il fascino etereo di "Mermaid" e le raffinate digressioni strumentali di "Gathering" siano due modi diversi e complementari di esortare l'immaginazione dell'ascoltatore, prima mettendo a fuoco una melodia facile e incantevole ("Mermaid"), poi divagando con apparente leggerezza su note di piano distese su flebili pagine di field recording ("Gathering").

Spogliata di suoni e atmosfere, la voce di Lauren affronta un intenso duetto con il piano nella più ardita melodia dell'album, che evoca l'intensità poetica di Robert Wyatt ("If I Miss A Star"), e quando Chris Hynson contorna la voce di Lauren con raffinate soluzioni vocali e strumentali, la perfezione è quasi vicina e palpabile ("Little Man Moon").
Il jazz fa capolino in modo più incisivo nella soffusa "Poetry Of Stillness", che sottolinea ancor di più le doti d'interprete di Lauren, pronta altresì a lasciarsi andare nell'ipnotica e caotica digressione jazz-folk della conclusiva "Eviternity", dove la trasfigurazione sonora è ancor più completa, tra intermezzi e divagazioni sonore che promettono un futuro ancor più ricco d'emozioni.

L'esordio degli Snowpoet è un'autentica rivelazione, un colpo al cuore nel sonnacchioso e ripetitivo establishment produttivo odierno.

(05/07/2016)



  • Tracklist
  1. Mermaid
  2. In a Quiet Space
  3. Glad to Have Lost
  4. If I Miss a Star
  5. Little Moon Man
  6. Gathering
  7. Waves
  8. Poetry of Stillness
  9. Eviternity




Snowpoet on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.