Steve Roach

Spiral Revelation

2016 (Projekt) | ambient, space ambient, idm

Occorre il classico pallottoliere dalle biglie colorate per catalogare numericamente il lavoro del compositore statunitense in venticinque anni di carriera; eppure la musica di Steve Roach ha il potere di non inflazionarsi, e anche stavolta la mente genuina e non corrotta di questo splendido manipolatore della materia acustica riesce a stupirci. Perché è sempre oltre la cortina del prevedibile, un passo al di là dello scontato. Vivendo la composizione come perpetua ricerca, non solo artistica ma anche armonica, eufonica, non cede mai alla tentazione di clonarsi e autocelebrarsi.

Così il nuovo lavoro, ancora una volta alla corte di mr. Rosenthal, “Spiral Revelation”, è una sfida che si compie nell’esplorare una nicchia in controtendenza, in declino eppure ancora piena di potenzialità: l’Intelligence Dance Music, l’Idm, come se il maestro dell’Arizona si ponesse la causa/effetto di rilanciare una sfida nata anni or sono e cresciuta in nicchie di pregio come Timpanik.
Cicli e loop, glitch e spirali vorticiste di suono sono tutte le sicurezze che Roach immette nelle sei tracce del nuovo full-length, con ardore, donando una vita cellulare e molecolare a un sound tendenzialmente algido e artificioso: il tocco dell’artista, la pennellata fine di un pittore espressionista del suono.

In ogni traccia regna un’armonia contemplativa, piccole estasi tipiche di Roach; già con “We Continue”, in apertura d’album, nulla è corrotto, nulla può corrompere un suono cristallino, progressivo nelle mille evoluzioni dei rapporti tra synth ed elaborazione concettuale. Ogni suono è un movimento, la frazione ripartita sul complesso di una suite contemporanea, assai affinata con le concettualità di Philip Glass. Un’opera evoluta, nella quale riscoprire ad ogni ascolto nuove ispirazioni, con passiva estasi.

Tanti i riferimenti al kraut elettronico, frutto anche dell’esperienza trascorsa, una vita dietro a macchine analogiche e digitali: “Primary Phase” risente dei percorsi "ossigenati" di Jean-Michel Jarre, mentre nel finale la title track riserva quasi venti minuti di assoluta bellezza: la corsa, il flusso di elettroni, di globuli bianchi e rossi, il volo migratorio di oche disperse oltre le nubi, banchi di pesce immersi nel blu assoluto del suono, della vita.
In “Spiral Revelation” c’è vita nella musica, musica nella vita, bellezza infinita e passione senza ragione, solo cuore, tanto cuore.

(21/01/2017)

  • Tracklist
  1. We Continue
  2. Unseen Hand
  3. Finger On The Pulse
  4. A Righteous Thing
  5. Primary Phase
  6. Spiral revelation
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Skeleton Keys

(2015 - Projekt)
Il maestro dell'ambient music ritorna al passato e riparte da un set-up interamente analogico

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH & KELLY DAVID

The Long Night

(2014 - Projekt)
Primo autografo di Steve Roach sul 2014, per la prima volta al fianco dell'amico Kelly David

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

The Desert Collection - Volume One

(2014 - Timeroom)
Una raccolta selezionata di classici intramontabili per il sovrano dell'ambient music

STEVE ROACH

At The Edge Of Everything

(2013 - Timeroom)
Roach ripesca una delle sue rarissime performance europee risalente a inizio millennio

STEVE ROACH

Soul Tones

(2013 - Timeroom)
Il ritorno di Steve Roach alla formula pił classica della sua ambient music

STEVE ROACH

Future Flows

(2013 - Projekt)
Ennesimo lavoro di spessore per l'inesauribile re dell'ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Sigh Of Ages

(2010 - Projekt)
Ripeschiamo uno dei dischi pił interessanti del maestro dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.