Suzanne Vega

Lover, Beloved: Songs From An Evening With Carson McCullers

2016 (Amanuensis Productions) | songwriter

Suzanne Vega aveva debuttato in teatro in compagnia di Duncan Sheik con la pièce "Carson McCullers Talks About Love" (2011), dedicata appunto alla narratrice statunitense e ai suoi primi crepuscolari scritti. Che Vega senta un'affinità forte con McCullers è dato quasi ovvio: entrambe mirano alle emozioni nascoste, magnificandole fino a farne un'indole di perdizione quotidiana.

Passato un mediocre "Tales From The Realm Of The Queen Of Tentacles" (2014), quel progetto è stato poi espanso ad album, sempre in collaborazione con Sheik, per "Lover, Beloved: Songs From An Evening With Carson McCullers". Sulle prime sembra un disco retrò da pensionata annoiata, anche se è un vintage coerente con il clima musicale in cui si muoveva McCullers, dallo scat da pianobar "Carson's Blues" (che vale più per i solo di bandoneon e trombone), il cocktail-jazz cullante "New York Is My Destination" e una decente prova di metamorfismo rhythm'n'blues in "The Ballad Of Miss Amelia".

Fortunatamente ci sono anche numeri degni del suo passato migliore, in cui Vega passa dall'omaggio esteriore a un'analisi più scavata, come se indagasse il ritratto della scrittrice a mo' d'immagine a specchio della sua anima. La pianistica "Annemarie" potrebbe insegnare qualcosa alla solitudine di Cat Power, "Lover, Beloved" è un gioiellino di discrezione sensuale e "Carson's Last Supper" è una prodezza d'introspezione Lisa Germano-esca. E una "12 Mortal Men", poco più che sospirata, in realtà è un tour de force vocale difficile e persino acrobatico, dati i suoi standard tenui e monocordi.

Ricettina breve e ricca di tutto un po', come per buona parte dei dischi predecessori, non scadente e non brillante, con qualche ingenuo baco tra cui il primo singolo, "Harper Lee". Diseguale per tattica e interpretazione: Sheik ci mette calce mista ad acqua. Che, però, ci siano almeno un paio delle migliori canzoni in quasi una decade è un dato di fatto.

(15/10/2016)

  • Tracklist
  1. Carson's Blues
  2. New York Is My Destination
  3. Instant Of The Hour After
  4. We Of Me
  5. Annemarie
  6. 12 Mortal Men
  7. Harper Lee
  8. Lover, Beloved
  9. The Ballad Of Miss Amelia
  10. Carson's Last Supper
Suzanne Vega su OndaRock
Recensioni

SUZANNE VEGA

Tales From The Realm Of The Queen Of Pentacles

(2014 - Cooking Vinyl)
Il ritorno della crepuscolare cantautrice, alla ricerca di una nuova partenza

SUZANNE VEGA

Songs In Red And Gray

(2001 - Universal)

SUZANNE VEGA

Suzanne Vega

(1985 - A&M)
Apatia metropolitana e dolci ossessioni: il folk in punta di voce di Suzanne Vega nel suo magico esordio ..

Suzanne Vega on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.