Syd Arthur

Apricity

2016 (Harvest) | neo-prog, pop-rock

Con il quinto album, “Apricity”, la band di Canterbury si conferma una delle realtà più originali del neo-progressive, soprattutto per il loro indugiare in contaminazioni pop, jazz e blues senza mai dimenticare la lezione dei conterranei Caravan.
Formatisi nel 2003 (della band fa parte anche il nipote di Kate Bush) e giunti al loro esordio solo nel 2006, i Syd Arthur hanno preservato la loro indipendenza, centellinando le loro uscite self-released (il secondo album “On And On “ fu pubblicato ben sei anni dopo l’esordio), approdando alla rinata Harvest Record nel 2013 e completando così una lunga serie di riferimenti, più o meno espliciti, alla tradizione psichedelica inglese.

Il quinto album “Apricity” è il primo con Josh Magill Fred Rother alla batteria, che sostituisce definitivamente Fred Rother, impedito da gravi problemi all’udito, ma nulla è cambiato: quel piacevole equilibrio tra ricerca e immediatezza è sempre fantasioso e vitale.
Il nuovo album dei Syd Arthur evidenzia una maggiore influenza della musica americana, grazie anche alla presenza del produttore Jason Falkner (Jellyfish, Beck), ma le vere icone della band restano i Caravan, i Gong e soprattutto il chitarrista Steve Hillage, anche se l’elettronica di gruppi cult come i Floating Points fa spesso capolino nel sound di “Apricity”.
Elaborate trame sonore e finezze strumentali danno vita a un tessuto sonoro emotivamente ricco ma mai sopra le righe, la cura del dettaglio e il fulgore degli arrangiamenti sono più vicini alle moderne elaborazioni di gruppi come Tame Impala o Radiohead, e tutto suona meravigliosamente accattivante.
Il nuovo album del gruppo inglese è come un quadro in continua evoluzione, elaborazioni sonore e strumentali aggiungono colori e dettagli a un brioso affresco lirico. Le attitudini pop trovano la loro migliore esegesi nel funky-beat di “No Peace” e nell’esuberante elettronico rave-pop “Sun Rays”, singolo di presentazione dell’album.

“Into Eternity” modifica lo scenario virando verso elaborate atmosfere prog che, tra pregevoli citazioni dei Caravan (“Rebel Lands”), originali scenari elettronici (“Seraphim”) e interludi strumentali (“Portal”), introducono le due tracce più avventurose e originali.
“Evolution”, offre deliziosi uptempo ritmici dalle inconsuete geometrie, tra le quali jazz e prog introducono interessanti divagazioni liriche, mentre la title track, è un autentico trip musicale, con riff e incastri ritmici ricchi di effluvi psichedelici, un brano che non solo chiude in maniera eccellente un album originale e atipico, ma anticipa future evoluzioni da jam session per una band in continua crescita.

(05/11/2016)



  • Tracklist
  1. Coal Mine
  2. Plane Crash In Kansas
  3. No Peace
  4. Sun Rays
  5. Into Eternity
  6. Rebel Lands
  7. Seraphim
  8. Portal
  9. Evolution
  10. Apricity




Syd Arthur su OndaRock
Recensioni

SYD ARTHUR

On And On

(2012 - Dawn Chorus)
Il peculiare "ripescaggio" proto-prog di una giovane band canterburiana

Syd Arthur on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.