Wil Bolton

February Dawn

2016 (Eilean Records) | elettronica, ambient, elettroacustica

Negli ultimi anni il britannico Wil Bolton è stato uno dei musicisti elettro-acustici più prolifici; una serie di ben dodici album che, partendo dall'esordio "Time Lapse" (2010), giunge fino ai più recenti lavori del 2015, la triade "Inscriptions", "Marram" e "Green & Gold".
Sempre attento nel mantenere il difficile equilibrio tra elettronica e strumentazione acustica, Bolton, col nuovo "February Dawn", approfondisce ed esalta ancor di più le potenzialità dell'unione tra le due strumentazioni, usandole stavolta in un contesto freddo e invernale.

L'alba di febbraio è quindi la descrizione di un paesaggio gelido e inospitale, dipinto con sottofondi e riverberi, droni, morbidi ricami di chitarra acustica, rintocchi di basso elettrico e registrazioni ambientali. Se l'accostamento col duo norvegese Pjusk appare abbastanza evidente, non si può non segnalare quanto Bolton riesca sempre - tramite complesse tessiture acustiche - a mantenere una sua rigorosa personalità.

Nei suoi momenti più evocativi, Bolton compie l'impresa di coniugare i paesaggi più cupi dei brani acustici dei Labradford - come ad esempio l'inquieta "Weatherboard" - con l'elettronica contemporanea; "Bleaching Ground" e "Coastal Glow" sono abbastanza esemplificativi di questa unione. L'aspetto più romantico si ritrova in quei brani dove riverberi e droni persistenti danno una consistenza fragile e granulosa ("Dead Branches" e "Dot To Dot"), mentre inquietudini elettroniche dominano nell'episodio più autenticamente ambient-drone di "Blue Field Balcony".
Vie di mezzo tra la fragilità e la durezza si ritrovano nell'onirico splendore della title track, che mette in unico calderone Rafael Anton Irisarri, Pjusk, il post-rock elettronico dei Labradford e dei Seefeel. Di fronte a tanta cupa grandezza il morbido finale di "Honeywood" appare come una sorta di riconciliazione. L'alba di febbraio non è poi tanto gelida.

(06/02/2016)



  • Tracklist
  1. Shells And Flints
  2. Weatherboard
  3. Coastal Glow 
  4. Bleaching Ground
  5. Dot To Dot
  6. Dead Branches
  7. Blue Field Balcony
  8. Wishing Well 
  9. February Dawn 
  10. Honeywood 


Wil Bolton su OndaRock
Recensioni

WIL BOLTON

April Spiral

(2019 - Rusted Tone Recordings)
Il musicista londinese alla ricerca della quiete e della primavera

WIL BOLTON

Night Paths

(2017 - Hidden Vibes)
Il compositore ambient britannico pubblica uno dei suoi album più riusciti

WIL BOLTON

Lichen

(2016 - Audio Gourmet Netlabel)
Breve Ep di transizione per il musicista inglese Wil Bolton

WIL BOLTON

Inscriptions

(2015 - Dronarivm)
Elettronica, plettri e corde nel disco di approdo alla russa Dronarivm

Wil Bolton on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.