Yeasayer

Amen & Goodbye

2016 (Mute) | art-etno-pop, electro-rock

Dopo una suggestiva introduzione di corale space-pop dalle atmosfere vintage ("Daughters Of Cain"), ritmo e chitarre prendono improvvisamente piede in un corpulento electro-rock; "I Am Chemistry" è un pezzo dalla struttura apparentemente lineare, sul quale vengono snocciolate formule chimiche e nomi di vari veleni. Poi una linea di synth solleva il tutto in una serpeggiante progressione melodica e si va ad adagiare su un coro di bambini che intona queste parole:
My momma told me not to fool with oleander
And never handle the deadly quacker buttons again
Il significato di tutto ciò rimane ovviamente aperto a interpretazioni personali, com'è giusto che sia, ma la suggestione creata è affascinante; si può essere più meravigliosamente fuori di testa? Il mondo di Ira, Chris & Anand - in arte Yeasayer - è proprio questo: tre uomini adulti e vaccinati che quando si trovano in studio lasciano andare le briglie della fantasia come bambini eccitati, mettendo in piedi qualcosa di ibrido, colorato e fantasioso. Che vengano inclusi o meno dai caroselli dell'hype del momento, gli Yeasayer continuano a costruire con gioia il proprio mondo un tassello alla volta.

Con "Amen & Goodbye" i tre han fatto nuovamente centro; il loro album in apparenza più variegato e destrutturato (9 canzoni + 4 "intermezzi" di vario genere) è in realtà il loro più melodico e accessibile di sempre. L'immaginario artistico che accompagna il tutto - un'inquietante serie di sculture pseudo-umane a cura dell'artista David Altmejd - è stato descritto dalla band come "Sgt Pepper meets Hieronymous Bosch meets Dali meets PeeWee's Playhouse".
Ed è proprio da questi presupposti artistoidi e pulp che sorgono alcune delle loro canzoni più suggestive di sempre. L'influenza maggiore è proprio il celebre zibaldone beatlesiano del "Sgt Pepper", qui omaggiato dai coretti psych-pop di "Divine Simulacrum" e le stralunate voci di "Prophecy Gun". Tra i momenti più umani ed emozionati si collocano invece "Uma", una delicata canzone dedicata alla figlioletta, "Silly Me", momento autolesionista d'amore perduto, e la bella melodia di "Cold Night".

Per chi segue gli Yeasayer c'è solo l'imbarazzo della scelta; c'è chi preferisce le atmosfere etniche del celebrato debutto "All Hour Cymbals", chi ama le bordate sintetiche di "Odd Blood" o chi si diletta con le claustrofobiche melodie di "Fragrant World", ma anche "Amen & Goodbye" potrebbe diventare presto uno dei favoriti. Il quartogenito ci mostra una band ancora nel pieno del fervore creativo, capace di giocare col suono in lungo e in largo senza farsi grossi patemi d'appartenenza - che virino verso il pop, che mantengano coordinate indie o si presentino con fare ostentatamente hipster, gli Yeasayer continuano a farci evadere dalla quotidianità verso un colorato mondo immaginario nel quale sarebbe bellissimo poter vivere a tempo pieno. La speranza quindi è che non prendano alla lettera il titolo di questo album e ci lascino proprio sul più bello.

(10/04/2016)



  • Tracklist
  1. Daughters Of Cain
  2. I Am Chemistry
  3. Silly Me
  4. Half Asleep
  5. Dead Sea Scrolls
  6. Prophecy Gun
  7. Computer Canticle 1
  8. Divine Simulacrum
  9. Child Prodigy
  10. Gerson's Whistle
  11. Uma
  12. Cold Night
  13. Amen & Goodbye


Yeasayer su OndaRock
Recensioni

YEASAYER

Fragrant World

(2012 - Secretly Canadian / Mute)
Una tecnologica esaltazione sensoriale per il nuovo lavoro della band di Brooklyn

YEASAYER

Odd Blood

(2010 - Secretly Canadian)
Cambio di rotta e crollo d'ispirazione per la compagine statunitense

YEASAYER

All Hour Cymbals

(2007 - We Are Free)
Atmosfere etno-pop in un debutto indefinibile e affascinante

Yeasayer on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.