Zappa/Mothers

Meat Light: The Uncle Meat Project/Object Audio Documentary

2016 (Zappa Records) | avant-rock, fusion, experimental

L’epopea discografica postuma di Frank Zappa è divenuta, negli ultimi anni, sempre più caotica e di dubbio valore: con la scusa di avere tra le mani un archivio la cui quantità di materiale audiovisivo (inedito o meno) è incalcolabile, la famiglia si è dimostrata tanto devota al lascito del vulcanico padre quanto, forse, ben contenta di poter mantenere attivo un mercato al quale attingono regolarmente diverse generazioni di estimatori. Ogni anno, quindi, vengono alla luce registrazioni live, fondi d’archivio e raccolte tematiche tutt’altro che essenziali (nell’anno delle elezioni americane, il compendio “Frank Zappa For President” non può essere una coincidenza).

In tutto questo, paradossalmente, il lato lodevole della questione sta nella progressiva riedizione di album fondamentali della sua carriera, pratica sinora dedicata al periodo pionieristico delle Mothers Of Invention. Era l'epoca di quelli che lo stesso Zappa definì “project/object”, opere di natura estremamente eterogenea impossibili da classificare, entro cui la sola presenza di temi ed elementi ricorrenti può garantire l’esistenza di un seppur labile trait d’union.
Per questa serie di riferimento erano già stati presentati i remaster onnicomprensivi di “Freak Out!” (“MOFO”) e del dittico formato da “Lumpy Gravy” e “We’re Only In It For The Money” (“Lumpy Money”). Il nuovo set di 3 cd “Meat Light” risponde alla domanda: “Quale versione di 'Uncle Meat' dovrei tenere nella mia collezione?” – nel dubbio, ovviamente, quella dove non manca nulla di ciò che è utile a una panoramica completa sullo stravagante magnum opus.

All’uscita in doppio Lp del 1969 (Bizarre e Reprise Records) ha fatto seguito un primo remaster in formato cd nella seconda metà degli anni 80 (Rykodisc, Barking Pumpkin), rimpolpato per l’occasione con un’ampia traccia audio dell’omonimo film portato a compimento nello stesso periodo (di fatto, un video archival ufficiale). In sostituzione di quest’ultimo (forse trascurabile) bonus, lo scintillante “Meat Light” documenta la sequenza originale ideata da Zappa nel periodo di gestazione del monstrum, registrato a cavallo tra 1967 e 1968 e poi massicciamente rimaneggiato con effetti, cut-up e sovraincisioni.

Semplificando, il concetto soggiacente a questo come agli altri “project/object” è che, cambiando l’ordine dei fattori o aggiungendo qualche analogo frammento, il risultato sia per approssimazione invariato, accettando con entusiasmo tipicamente dadaista ogni nuovo e imprevedibile accostamento di materiali sonori. Siamo nel pieno della fase di transizione tra i goliardici canzonieri freak e le grandi composizioni per orchestra jazz (e non): più che uno spartiacque, “Uncle Meat” è davvero un gesto artistico che fa storia a sé, come un ingombrante ready-made di Rauschenberg incastonato tra le frenetiche tournée delle Mothers.

Qui Zappa dà libero e totale sfogo alle sue manie ricorrenti, rimettendo mano all’elettronica per accelerare e cambiare pitch a intere tracce audio, come nello pseudo-classico “Dog Breath, In The Year Of The Plague” e relative “variations”, o nell’esilarante doo-wop di “Electric Aunt Jemima”, strascico degli alter ego immaginari Ruben & The Jets; e poi estratti live fracassoni (“God Bless America”), spoken word surreali, un lento a tema verdura (“Mr. Green Genes”) e sessioni di pura avanguardia fusion, prima della suite-patchwork “King Kong”, leggendario lato D del formato vinilico. Il tutto è stato ricostruito e restaurato dai nastri originali con una cura amorevole per il sound, encomiabile per un prodotto così ameno, eclettico e prossimo al mezzo secolo d’età.

Tra il secondo e il terzo cd troviamo dunque la versione alternativa dell’opera, di durata pressoché equivalente, divisa convenzionalmente in quattro parti che allo stesso modo ne avrebbero costituito le facce su Lp. La cosa migliore da fare, almeno per chi già conosce a menadito “Uncle Meat”, è approcciare questo “remix” a digiuno dall’originale per goderne da una prospettiva davvero nuova e sorprendente sia sui pezzi arcinoti che sugli skit inediti, tra cui l’irruzione di un agente di polizia bacchettone nella sala prove della band (“Cops & Buns”).

Arriviamo infine ai succulenti extra “From The Vault”: single version, outtake, varianti e avanzi d’archivio (tra cui l’assolo di chitarra a velocità normale di “Nine Types Of Industrial Pollution”) il cui pregio principale è di dare ancor più risalto allo stellare impianto strumentale: presi singolarmente, i groove fondanti di certi episodi oggi ci ricordano i colti campionamenti di Flying Lotus riletti dai BADBADNOTGOOD, schegge di arrangiamenti geniali la cui ricchezza e fervore si manifesteranno pienamente nei due capolavori immediatamente successivi, “Hot Rats” e “Burnt Weeny Sandwich”. I fiati e gli altri occasionali elementi classici rappresentano invece i personali rimandi zappiani all’immaginario creativo di Stravinskij e di Varèse, maestri ripetutamente omaggiati nel corso di tutta una carriera sino alla trionfale serata di gala “The Yellow Shark”.

In un periodo in cui si fanno strada nuovi audiofili, nostalgici e puristi delle edizioni deluxe – spesse volte un profluvio di inutili appendici, tra demo e sessioni scientemente occultate – la reissue di “Uncle Meat” si distingue per criterio selettivo e qualità sonora: il trattamento che senz’altro meritava, e che ci auguriamo possa fare da matrice per altri pregnanti “studi” dedicati alla sconfinata produzione dell’eroe americano.

(21/12/2016)

  • Tracklist

Cd 1 - Uncle Meat: Original 1969 Vinyl Mix

  1. Uncle Meat: Main Title Theme
  2. The Voice Of Cheese
  3. Nine Types Of Industrial Pollution
  4. Zolar Czackl
  5. Dog Breath, In The Year Of The Plague
  6. The Legend Of The Golden Arches
  7. Louie Louie (At The Royal Albert Hall In London)
  8. The Dog Breath Variations
  9. Sleeping In A Jar
  10. Our Bizarre Relationship
  11. The Uncle Meat Variations
  12. Electric Aunt Jemima
  13. Prelude To King Kong
  14. God Bless America (Live At The Whiskey A Go Go)
  15. A Pound For A Brown On The Bus
  16. Ian Underwood Whips It Out (Live On Stage In Copenhagen)
  17. Mr. Green Genes
  18. We Can Shoot You
  19. "If We'd All Been Living In California..."
  20. The Air
  21. Project X
  22. Cruising For Burgers
  23. King Kong (As Played By The Mothers In A Studio)
  24. King Kong (Its Magnificence As Interpreted By Dom DeWild)
  25. King Kong (As Motorhead Explains It)
  26. King Kong (The Gardner Varieties)
  27. King Kong (As Played By 3 Deranged Good Humor Trucks)
  28. King Kong (Live On A Flat Bed Diesel In The Middle Of A Race Track At A Miami Pop Festival...The Underwood Ramifications)

Cd 2 - Uncle Meat: Original Sequence

  1. Dog Breath, In The Year Of The Plague
  2. The Legend Of The Golden Arches
  3. The Voice Of Cheese
  4. Whiskey Wah
  5. Nine Types Of Industrial Pollution
  6. Louie Louie (Live At The Royal Albert Hall In London)
  7. The Dog Breath Variations
  8. Shoot You Percussion Item
  9. The Whip
  10. The Uncle Meat Variations
  11. King Kong
  12. Project X Minus .5
  13. A Pound For A Brown On The Bus
  14. Electric Aunt Jemima
  15. Prelude To King Kong
  16. God Bless America (Live At The Whiskey A Go Go)
  17. Sleeping In A Jar
  18. Cops & Buns
  19. Zolar Czakl

Cd 3

  1. We Can Not Shoot You
  2. Mr. Green Genes
  3. "PooYeahrg"
  4. Uncle Meat: Main Title Theme
  5. Our Bizarre Relationship
  6. "Later We Can Shoot You"
  7. "If We'd All Been Living In California..."
  8. 'Ere Ian Whips It/JCB Spits It/Motorhead Rips It
  9. The Air
  10. Project X .5
  11. Cruising For Burgers
  12. From The Vault - "A Bunch Of Stuff"
  13. Dog Breath (Single Version - Stereo)
  14. Tango
  15. The String Quartet
  16. Electric Aunt Jemima (Mix Outtake)
  17. Exercise 4 Variant
  18. Zolar Czackl (Mix Outtake)
  19. "More Beer!"
  20. Green Genes Snoop
  21. Mr. Green Genes (Mix Outtake)
  22. Echo Pie
  23. 1/4 Tone Unit
  24. Sakuji's March
  25. No. 4
  26. Prelude To King Kong (Extended Version)
  27. Blood Unit
  28. My Guitar (Proto I- Excerpt)
  29. Nine Types Of Industrial Pollution (Guitar Track, Normal Speed)
  30. Uncle Meat (Live At Columbia University 1969)
  31. Dog Breath (Instrumental)
  32. The Dog Breath Variations (Mix Outtake)
Frank Zappa su OndaRock
Recensioni

FRANK ZAPPA

Dance Me This

(2015 - Zappa Records)
Pubblicato finalmente l'ultimo disco realizzato in studio dal genio del rock

FRANK ZAPPA

Hot Rats

(1969 - Bizarre)
Zappa rimescola la sua formazione e dà vita agli Hot Rats, mettendo insieme Captain Beefheart, ..

FRANK ZAPPA

Absolutely Free

(1967 - Verve)

La doppia "opera rock" che sublima la lezione etico-musicale del compositore americano

FRANK ZAPPA

Freak Out!

(1966 - Verve)
Il fondamentale album d'esordio dell'irriverente compositore americano

Zappa/Mothers on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.