AA. VV.

Silhouettes & Statues - A Gothic Revolution: 1978-1986

2017 (Cherry Red) | goth, punk, new wave

Un box di cinque compact disc sul quale campeggia nel sottotitolo la frase “A Gothic Revolution 1978-1986” riapre l'annosa questione sulla reale consistenza musicale degli anni 80 e 90. La risposta è in parte racchiusa in questa raccolta, che mette in evidenza non solo l’enorme valore culturale del movimento goth, ma ne sottolinea anche la complessità e la multiforme creatività dei suoi protagonisti.
Continuando nella tradizione dei box in formato libro della Cherry Red, sempre accompagnato da una ricca documentazione fotografica e preziosi dettagli storici, “Silhouettes And Statues: A Gothic Revolution 1978-1986” fa luce su una scena tra le più influenti, sottolineandone pregi e difetti (quest’ultimi ben pochi in verità), ma soprattutto evidenziandone la notevole sfrontatezza e insolenza.

Mentre i caustici e incontentabili surfer del web lamentano alcune mancanze (dovute a problemi di diritti) agli amanti delle emozioni forti e intense non resta che tuffarsi nel ricco campionario dei cinque volumi, con una lista di 83 brani calibrata con intelligenza tra nomi di rilievo storico ed eccellenti outsider.
Bastano però le primissime note di “Shadowplay” dei Joy Division (abilmente collocata in apertura) per incrociare quella splendida attitudine noir e melodrammatica che, contaminando il post-punk, generò alcune delle pagine più memorabili della storia del rock.

La presenza di brani di Public Image Ltd, The Sisters Of Mercy, Clock Dva, UK Decay (band alla quale si collega storicamente l’uso del temine goth), The Cure (la notevole “The Hanging Garden”), Dead Can Dance, The Mission, Cocteau Twins, Bauhaus, Theatre Of Hate, The Associates (l’indimenticabile “Q Quarters”) rimette in circolo adrenalina pura.
Non sono da meno anche alcune pagine meno note, come il non proprio canonico brano dei Birthday Party (“Release The Bats”), il raffinato romanticismo dei Dali’s Car (“His Box”), la sovversiva attitudine dei Rema Rema (“Rema-Rema”), la contaminazione folk degli All About Eve (“D For Desire”), l’estremismo tenebroso di Danielle Dax (“Bad Caves”), la malinconia quasi letteraria degli Artery (“Into The Garden”) e la catarsi emotiva dei Bushido (“Among The Ruins”): perle quasi dimenticate di uno scenario musicale che è stato troppo spesso confuso con le sue esternazioni, un universo sonoro che, grazie all’ottima opera antologica della Cherry Red, è ora possibile apprezzare finalmente più per il contenuto che per la forma.

(28/07/2017)



  • Tracklist
  1. Joy Division - Shadowplay
  2. The Birthday Party -Release The Bats
  3. Rema-Rema - Rema-Rema
  4. Paranoia - Shattered Glass
  5. Section 25 - Charnel Ground
  6. The Sisters Of Mercy - Floorshow
  7. Clock DVA - Female Mirror
  8. UK Decay - The Black Cat
  9. Alien Sex Fiend - Dead And Reburied
  10. Love And Rockets - Seventh Dream Of Teenage Heaven
  11. The Associates - Q Quarters
  12. In Excelsis - Carnival Of The Gullible
  13. Nevilluxury - Feels Like Dancing Wartime
  14. Flesh For Lulu -Vaguely Human
  15. The March Violets - Crow Baby
  16. All About Eve - D For Desire
  17. Folk Devils - Beautiful Monster
  18. Public Image Limited - Flowers Of Romance
  19. Danielle Dax - Bed Caves
  20. The Southern Death - Cult Moya
  21. 1919 - Caged
  22. The Cure - Hanging Garden
  23. The S-Haters - Solitary Habit
  24. Dead Can Dance - The Arcane
  25. Years On Earth - Saving Face
  26. In The Nursery - Breach Birth
  27. Play Dead - The Tenant
  28. Part 1 - Ghost
  29. 13th Chime - Cuts Of Love
  30. The Tempest - Ice Cold In
  31. Screaming Dead - Night Creatures
  32. Bushido - Among The Ruins
  33. Portion - Control Fiends
  34. Actifed - Creation
  35. Adam And The Ants - Tabletalk
  36. Balaam And The Angel - Darklands
  37. The Legendary Pink Dots - Love Puppets
  38. Artery - Into The Garden
  39. Salvation - Girlsoul
  40. The Chameleons - In Shreds
  41. Schleimer K - Fugitive Kind
  42. The Bolshoi - By The River
  43. Gene Loves Jezebel - Screaming For Emmalene
  44. Lowlife - Gallery Of Shame
  45. And Also The Trees - Out Of The Moving Life Of Circles
  46. Siiiii - Is Still
  47. Tabathas Nightmare - Heroin (Live At The Batcave)
  48. Brigandage - Angel Of Vengeance
  49. Penetration - Stone Heroes
  50. The Rose Of Avalanche - LA Rain
  51. Furyo - Legacy
  52. The Mission - Stay With Me
  53. Nico - Saeta
  54. In Camera - Fragments Of Fear
  55. Dance Chapter - Anoymity
  56. Ausgang - Sink Into You
  57. Cocteau Twins - In Our Angelhood
  58. Sunglasses After Dark - Morbid Silence
  59. Fields Of The Nephilim - Trees Come Down
  60. Anorexic Dread - Tracey's Burning
  61. Red Lorry Yellow Lorry - Take It All
  62. Tones On Tail - Burning Skies
  63. Blood And Roses - Spit Upon Your Grave
  64. The Threat - High Cost Of Living
  65. I'm Dead - Storm Pause
  66. Zero Le Creche - Last Year's Wife
  67. Bauhaus - Stigmata Martyr
  68. The Wake - Patrol
  69. Specimen - Returning From A Journey
  70. Theatre Of Hate - Original Sin
  71. Attrition - Birthrite
  72. Sad Lovers And Giants - Things We Never Did
  73. The Damned - Dr Jekyll And Mr Hyde
  74. Gloria Mundi - The Hill
  75. Dalis Car - His Box
  76. Inca Babies - The Diseased Stranger's Waltz
  77. Death Cult - Ghost Dance
  78. Modern Eon - Euthenics
  79. Ritual - Mind Disease
  80. Skeletal Family - She Cries Alone
  81. Bone Orchard - Jack
  82. Hula - Ghost Rattle
  83. Rubella Ballet - Twister
AA. VV. su OndaRock
Recensioni

AA. VV.

Infrastructure Facticity

(2016 - Infrastructure New York)
L'inizio della una nuova era techno passa per New York



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.