Accordo dei contrari

Violato intatto

2017 (AltrOck Productions) | rock in opposition, jazz-rock, canterbury

Rock in opposition e Italia sono un connubio da sempre prolifico di band e artisti che hanno vissuto dal profondo la missione più autentica degli ideali davvero in “opposizione” alle regole delle multinazionali dell’industria musicale. Basti ricordare che - dal punto di vista cronologico - la prima band facente parte del movimento fondato dagli Henry Cow è proprio quella degli italiani Stormy Six, attivi fin dal lontano 1965 e aderenti al RIO nell’anno stesso della sua nascita, nel 1977.

Tra le tantissime band che si sono avvicinate alle complesse sonorità tra il jazz-rock, il RIO, l’avant-prog e certi richiami di Canterbury, ci sono i bolognesi Accordo dei Contrari, attivi fin dal 2001 e autori quest’anno del loro quarto album in studio, “Violato intatto”. Con una line-up formata da Giovanni Parmeggiani (tastiere), Cristian Franchi (batteria), Marco Marzo (chitarra) e Stefano Radaelli (sax), il quartetto si pone sulla stessa strada del jazz-rock canterburiano più dinamico, in stile Soft Machine senza Robert Wyatt, Nucleus di Ian Carr o Hatfield And The North.

Padroni di una tecnica a dir poco invidiabile, già autori di collaborazioni con Richard Sinclair dei Caravan, ospite nel loro secondo album “Kublai” (2011), i bolognesi si pongono in quella stretta nicchia di musicisti coerenti che esplorano quel territorio a metà tra jazz e rock. Non mancano anche altre gradite influenze, come il blues scarnificato di “Blue-S” - che suona come un brano di Robert Johnson suonato dai Caravan - o l’avanguardia concreta di “Marienkirche”. Ma è nei vertiginosi inseguimenti strumentali che gli Accordo dei Contrari trovano la loro vera identità; dalle scorribande di “Folia Saxifraga” o di “Shamash” al jazz-prog di “Monodia” fino al simil space-rock alla Ozric Tentacles di “Eros vs Anteros”. Chiude la title track con un inizio da minimalismo ripetitivo in stile Terry Riley per sconfinare in un nuovo assalto jazz-prog.

(04/12/2017)



  • Tracklist
  1. Folia Saxifraga
  2. Monodia
  3. Blue-S
  4. Shamash
  5. Idios Cosmos
  6. E verde è l'ignoto su cui corri
  7. Marienkirche
  8. Di eccezione in variante
  9. Usil
  10. Eros vs Anteros
  11. Il violato intatto


Accordo dei Contrari su OndaRock
Recensioni

ACCORDO DEI CONTRARI

Kinesis

(2007 - AltrOck Productions)
Jazz-rock nostalgico tra ambizione e mestiere

Accordo dei contrari on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.