Allysen Callery

Prince's Pine

2017 (Reverb Worship) | alt-folk

Già annunciato lo scorso anno in chiusura all'intervista gentilmente concessaci, quest'agosto vede la luce "Prince's Pine", nuovo succinto ciclo di canzoni in cui Allysen Callery riprende e consolida l'estetica del recente "The Song The Songbird Sings", trasferendo le ambientazioni domestiche proprie dell'album ai confini delle foreste della sua terra, scenario ideale per il fascino naturalista che ha contraddistinto ripetutamente lo scarno folk della musicista. A contatto con le fronde degli alberi, in un contesto che brulica del gracidare delle rane e del canto degli uccelli, il nuovo Ep (pubblicato in formato fisico dalla Reverb Worship, in 50 copie prontamente esaurite), intitolato col nome inglese di una pianta del sottobosco dell'emisfero boreale, gioca infatti con gli aspetti più panici e "scenografici" dell'arte della cantautrice, in un dialogo con la propria chitarra che quindi si carica di suadenti sfumature ambientali.

Un vero peccato che la raccolta sia composta quindi soltanto da cinque brani, e che non sia stata sviluppata in un progetto sulla lunga durata: non che anche in questo modo non si possa apprezzare pienamente l'incanto silvano sprigionato dalla musica di Callery, mai così evocativa nel canto e nel trasporto lirico, tuttavia la nuova cornice espressiva presenta una serie di peculiarità che avrebbero trovato senz'altro la propria collocazione nel formato di un album. Poco male, anche nel quarto d'ora di "Prince's Pine" vi è comunque di che restare affascinati. Con un picking che sventaglia tutta l'agilità e la sottigliezza raggiunte dalla musicista (tanto da diventare attore esclusivo in "When You Are Awakening", in un avvicinamento alquanto personale alle dinamiche dei primitivisti americani), e una grana canora in cui si intravedono tutte le potenzialità "sacrali" insite nel timbro della cantante, il lavoro lascia intravedere ancora più chiaramente quei contatti con il folk britannico da cui l'autrice ha tratto ispirazione (la conclusiva "They Killed My Crippled Prince....", in cui affiora nuovamente l'attitudine da cantastorie di Callery), allacciando nuovi collegamenti in virtù dell'eventuale ciclo di cover.

Quando invece la penna rimane più allacciata alla sua terra, l'effetto non è da meno: la corposità melodica di "First Amongst The Flowers", cui fa da supporto il coro di voci che proviene dalla foresta, lascia intuire quanto la fonte dell'ispirazione della musicista sia tutt'altro che prosciugata, nonché come la sua abilità nella scrittura sappia ancora individuare traiettorie accattivanti. Tutt'altro che uno spuntino smorza-attese, insomma. Certo, resta un po' il rammarico di uno scenario che avrebbe potuto portare a un album potentissimo nel suo genere, tuttavia "Prince's Pine" non ne risulta affatto indebolito. Nella sua prova più arcana ed evocativa, Allysen Callery dispensa alcuni tra i suoi più ammalianti sortilegi.

(29/09/2017)

  • Tracklist
  1. First Amongst The Flowers
  2. Dark Winged Sparrow
  3. Prince Of The Morning
  4. When You Are Awakening
  5. They Killed My Crippled Prince With The Sea Glass Eyes
Allysen Callery su OndaRock
Recensioni

ALLYSEN CALLERY

The Song The Songbird Sings

(2016 - self-released)
Il nuovo scrigno di canzoni della fascinosa folkstress statunitense

ALLYSEN CALLERY

Mumblin' Sue

(2013 - 75 Or Less)
Torna la magia senza tempo della cantautrice statunitense

ALLYSEN CALLERY

Winter Island

(2011 - Woodland Recordings)
Un mini album in edizione limitata conferma le qualità della cantautrice del Rhode Island

ALLYSEN CALLERY

Hobgoblin’s Hat

(2010 - Self Released)
Dai boschi del Rhode Island, le evocative ballate di una nuova, splendida voce del folk al femminile

Allysen Callery on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.