Andrea Belfi

Ore

2017 (Float) | electro

Passati altri progetti all'insegna dell'improvvisazione libera, quali Il Sogno Del Marinaio con Stefano Pilia e Mike Watt, Swifter in trio anche con BJ Nilsen (ultimo "Wall Sailor", 2016) e Mir 8 (un unico "Perihelion", 2017), Andrea Belfi prosegue anche la sua carriera solista dando un seguito a "Natura morta" (2014) con "Ore".

Particolarmente ambiziose, sulla carta, sono le composizioni lunghe. Tanto ficcante è il rituale tribal-cosmico che apre "Anticline", quanto poco incalzante e anche meno affascinante il misterioso shuffle elettroacustico da sottofondo che ne fa da sviluppo. Ben dodici minuti servono a "Tone", un ritmo di hi-hat che quasi cita la "On The Run" dei Pink Floyd, per dare l'idea di una maratona epica d'incantatore di serpenti (sibilo e sonaglio), ma che non va molto oltre una dimostrazione tecnica di tempo vertiginoso.

Un altro riferimento ai Pink Floyd, e in particolare alla "Grand Vizier's Garden Party" di Nick Mason in "Ummagumma", sta nell'inconcludente divagazione di "Iso", anche se di certo interpretata col fuoco e la competenza del vero improvvisatore. Uno sfocato omaggio al minimalismo storico di LaMonte Young e Terry Riley s'incunea invece nel freddo e didattico raga-drone rimbombante di "Lead", tutto sincopi jazz. "Syncline" si riallaccia a "Anticline", rallentandolo, semplicemente spegnendosi: nessun gran finale.

Uno dei risultati col minor tasso di carisma per l'ex-batterista hardcore veronese, nonché spettacolare motore anti-ritmico dei Rosolina Mar. Non un granché, perché desunta dai suoi dischi precedenti e poi allungata, la scelta di usare ad oltranza tinte tenui e sgasate, oltre a toni oscillatori a basso volume, pur ben scolpiti, assorti e ripiegati su se stessi.
Un'opera da mastro - una batteria spadroneggiante (costruitagli dal finnico Hannu Saari) - con poca musica. Anticipato dall'altrettanto bigio "Alveare" (2017), solo vinile.

(01/09/2017)

  • Tracklist
  1. Anticline
  2. Iso
  3. Lead
  4. Tone
  5. Syncline
Andrea Belfi su OndaRock
Recensioni

ANDREA BELFI

Natura morta

(2014 - Miasmah)
Il nuovo lavoro solista del batterista di ricerca, una visione sci-fi d’altri tempi

ANDREA BELFI

Wege

(2012 - Room40)
L'ex-batterista e co-fondatore dei Rosolina Mar torna con un oceano cangiante di oscillazioni, timbri, ..

ANDREA BELFI

Knots

(2008 - Die Schachtel)
Primo album del compositore per Die Schachtel, tra ambient e post-rock

Andrea Belfi on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.