Arcade Fire

Everything Now

2017 (Columbia) | electro-rock, alt-pop, post-disco

Assisted suicide
She dreams about dying all the time
She told me she came so close
Filled up the bathtub and put on our first record
(from "Creature Comfort")
L'eccesso di contenuti disponibili sul web, che causa le riduzione nella propensione all'approfondimento, la spasmodica ricerca di dare un senso compiuto alla propria quotidianità, l'urgenza di avere tutto e subito, con conseguente azzeramento del gusto per l'attesa e per la sorpresa: queste sono alcune delle tematiche affrontate dagli Arcade Fire nel loro quinto album in studio che prende il titolo, per l'appunto, di "Everything Now". Quel gusto per la sorpresa che loro stessi hanno drasticamente annientato, mettendo in circolazione in anteprima quattro nuovi brani, scaglionandone la diffusione nelle settimane che hanno preceduto la pubblicazione ufficiale del disco, presentandole anche dal vivo durante le date del tour estivo.

Fan e curiosi si sono pertanto potuti orientare anzitempo riguardo il nuovo progetto di Win Butler e soci, e i commenti pseudo-intellettualoidi che abbiamo scorto in giro non sono stati particolarmente entusiastici nei confronti del materiale. Ma la sostanza che ora ci ritroviamo fra le mani riserva non poche sorprese.
Molto meno prolisso di "Reflektor", dal quale si distingue anche per un maggior assortimento di suoni e influenze coi quali il tradizionale sound degli Arcade Fire si contamina, "Everything Now" conferma il rifiuto della band di riscrivere all'infinito un "Funeral" o un "The Suburbs" e l'attitudine a guardare oltre, a riscrivere ogni volta un disco diverso, caratterizzandolo in maniera forte, con un tema centrale, sia dal punto di vista sonoro che testuale, accollandosi senza timori - ma forse loro se lo possono anche un pochino permettere - il rischio di non piacere a molti fan della prima ora.

"Everything Now" è senz'altro il lavoro con maggior groove finora realizzato dagli Arcade Fire, i quali non rinnegano quella deriva pop-dance che oggi appare più a fuoco non solo rispetto all'altalenante predecessore, ma anche rispetto ai risultati ottenuti da tanti gruppi coevi (si pensi ai Tame Impala in primis) che hanno deciso di immergersi nei beat electro.
Il progetto dei canadesi resta una spanna più in alto, soprattutto in virtù di numerose belle canzoni che lasciano intatta l'ormai proverbiale loro predisposizione per la grandeur. Sì, perché al di là di tutto, tracce come "Good God Damn" o "Put Your Money On Me" sono gran belle canzoni, perfettamente coniugate con la nuova estetica del gruppo, posizionate con senso di sfida verso fine tracklist, quando la stragrande maggioranza dei dischi odierni tende qualitativamente a calare in maniera drammatica.

Il passo dub delle due "Everything Now" poste ai margini dell'album, in un gioco di incastri senza fine destinato a chiudersi e ricominciare all'infinito, delimita il mood generale, ma l'approccio da dancefloor è confermato anche in "Signs Of Life" e nella disco in falsetto di Régine in "Electric Blue".
La schiera di producer assoldati aiuta la band a cercare nuove direzioni musicali, nascono così le parentesi dub/rocksteady di "Peter Pan" e "Chemistry" (non dimentichiamoci che Régine ha origini caraibiche e ha sempre influenzato in qualche modo la scrittura di Butler e che al remix di "Flashbulb Eyes" collaborarono Dennis Bovell e Linton Kwesi Johnson), i sogni in coloratissimo hardcore-punk di "Infinite Content" (nella seconda parte, quella con l'underscore, la canzone viene trasformata abilmente in una country-folk ballad à-la Wilco!), la straniante "We Don't Deserve Love" che sancisce di fatto la chiusura del lavoro con la partecipazione alla slide guitar di Daniel Lanois.

Ma tutto quel che sembra gioiosamente pop lo è solo in apparenza: i testi, oltre che trattare dell'amore ai tempi del consumismo sfrenato, passano al setaccio paure e propensione al suicidio, tema quest'ultimo trattato in maniera forte in due tracce, "Creative Comfort" e "Good God Down", nelle quali ritorna la medesima scena della vasca da bagno e di un disco che suona, il sottofondo di una tragedia che si consuma fra le mura domestiche.
Torna quindi lo stratagemma di trattare temi duri e impegnati rivestendoli di una patina (apparentemente) frivola e sbarazzina, e in effetti il lavoro non potrebbe essere correttamente interpretato prescindendo dagli aspetti testuali.

Resta intatto l'approccio massimalista: tutti gli spazi possibili vengono saturati da suoni e strumenti, con quella tendenza a costruire barocchismi epici da stadium rock, da sempre loro prerogativa. Poi, sì, potremmo anche ritrovarci tutti d'accordo nel ritenere "Everything Now" un lavoro tutt'altro che indispensabile, qualcuno gli assegnerà persino la palma di più debole della loro discografia.
Ma pur commettendo qualche errore e non riuscendo a confermarsi sui memorabili livelli degli esordi, gli Arcade Fire con "Everything Now" concretizzano lo sforzo di slanciarsi oltre lo steccato di un indie-rock ormai svuotato di qualsiasi significato. Mimetismo, contaminazioni e qualità della scrittura li portano a ridefinirne i dettami, distanziandosene un attimo prima della sua completa dissoluzione.
You want to get messed up?
When the times get rough
Pull tour favourite record on baby
And fill the bathtub up
You want to say goodbye
To your oldest friends
("Good God Damn")

(30/07/2017)

  • Tracklist
  1. Everything_Now (continued)
  2. Everything Now
  3. Signs Of Life
  4. Creature Comfort
  5. Peter Pan
  6. Chemistry
  7. Infinite Content
  8. Infinite_Content
  9. Electric Blue
  10. Good God Damn
  11. Put Your Money On Me
  12. We Don't Deserve Love
  13. Everything Now (continued)








Arcade Fire su OndaRock
Recensioni

ARCADE FIRE

Reflektor

(2013 - Merge/ Mercury)
La sfrontatissima opera doppia con cui la band canadese spiazza tutti, virando verso un ambizioso electro-rock-afro-post-disco ..

ARCADE FIRE + OWEN PALLETT

Her O.S.T.

(2013 - Warner Bros / Arcade Fire / WMG / UMG / Redeye Distribution / Beggars / The Orchard Music / IODA)
Il quarto lungometraggio di Spike Jonze con Arcade Fire, Owen Pallett e Karen O

ARCADE FIRE

The Suburbs

(2010 - Merge)
Il collettivo canadese alla terza, attesissima prova. Nuovi inni e slanci corali, ma anche qualche ombra ..

ARCADE FIRE

Neon Bible

(2007 - Merge)
Dopo l'exploit di "Funeral", torna la band canadese. Tra melodie epiche e irruenza rock, nel segno di ..

ARCADE FIRE

Funeral

(2004 - Merge Records)
Il folgorante debutto della band canadese

ARCADE FIRE

Funeral

(2004 - Merge)
Il poema epico della coppia Butler-Chassagne in un viaggio a ritroso dalla morte alla vita

News
Arcade Fire on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.