Arto Lindsay

Cuidado Madame

2017 (Ponderosa Music & Art) | tropicalismo, avant-rock

Chitarrista, sperimentatore, nato a Richmond, Virginia ma cresciuto in Brasile al seguito dei genitori, missionari presbiteriani, Arto Lindsay è sempre stato un artista dallo stile unico, in perfetto equilibrio tra le sue due diverse anime. Sono passati ben 13 anni da “Salt”, ultima fatica solista, ma il nostro non è mai stato davvero con le mani in mano. Negli ultimi anni al suo attivo ci sono state molte collaborazioni come gregario di lusso, tra cui quella davvero intrigante con gli Anarchist Republic of Bzzz, e la pubblicazione lo scorso anno della retrospettiva “Encyclopedia Of Arto” che vedeva sul primo disco il meglio della sua produzione solista, mentre il secondo era dedicato a un live set di materiale inedito suonato con la sua scorbutica chitarra. Quella sei corde che ha marchiato a fuoco con i Dna l’epoca della no wave mirabilmente dipinta da Brian Eno sulla fondamentale compilation “No New York”.

“Cuidado Madame” è il titolo scelto per rappresentare le nuove composizioni, titolo preso dall’omonimo film diretto nel 1970 dal regista brasiliano Júlio Bressane e che già ci mette in guardia da eventuali pericoli e trabocchetti che potremo incontrare durante il cammino; il film in realtà era poco rassicurante, visto che parlava di una cameriera che uccideva allegramente e brutalmente una dopo l’altra tutte le sue padrone. Allegro e brutale, sensuale e radicale, orecchiabile e atonale, americano e brasiliano: tutte le sfaccettature e le apparenti contraddizioni di Lindsay si ritrovano in questo lavoro. Undici nuove tracce che mostrano un’unione di diverse suggestioni come quella per il culto candomblé, le cui percussioni sono state la primaria ispirazione per l’ideazione e lo sviluppo del disco.
Arto vive a Rio, ha una passionaccia per la musica black e hip-hop, per Kendrick Lamar, James BlakeFrank Ocean più che per l’attualità strettamente rock, e queste influenze mischiate alla sua sensibilità da tropicalismo brasiliano sono apertamente riconoscibili già dall’apertura di “Grain By Grain”. Le sue passate esperienze newyorkesi tra Dna e Lounge Lizards sono ristrette al maltrattamento abrasivo della breve “Arto Vs. Arto”.

Il “possesso palla” è di poco favorevole all’idioma inglese rispetto al portoghese (60%/40%) ma davvero poco importa, perché la lingua comune del disco è ricercata, forbita, accessibile, di grande eleganza come nella splendida “Each To Each” e nella lenta ballata “Seu Pai”. E se “Uncrossed” è tanto dolce nei suoi tratteggi di chitarra quanto abrasiva nei rumorismi elettronici che ne supportano la spina dorsale, il funk-salsa di “Tangles” risulta fisico e sensuale nel suo incedere, come far scorrere le dita su un lungo abito di seta.
“Deck” mostra tutto l’amore per l’hip-hop, e solo lui può permettersi di graffiare con la sua chitarra noise l’incedere tribale di “Vao Queimar Ou Botando Pra Dançar” senza sembrare blasfemo, anzi, rendendolo più elegante che straniante. I tamburi candomblé rimangono sullo sfondo della melodia mai banale per voce e Hammond di “Unpair”, che si conclude con un tripudio noise in salsa carioca.
Il gran finale è appannaggio di “Pele De Perto”, una dolce ballata scritta a quattro mani con Marisa Monte tra jazz e bossanova, nel solco della classica tradizione brasiliana.

I collaboratori sono di alta classe, dal basso di Melvin Gibbs alle tastiere di Paul Wilson, passando per la batteria di Kassa Overall e l’altra chitarra di Patrick Higgins, e la duplice anima di Arto Lindsay si dimostra ancora una volta capace di attraversare sia i pericoli della foresta amazzonica che i dedali della tentacolare New York City con elegante sicurezza.

(18/12/2017)



  • Tracklist
  1. Grain By Grain
  2. Each to Each
  3. Ilha Dos Prazeres
  4. Tangles
  5. Deck
  6. Vão Queimar Ou Botando Pra Dançar
  7. Seu Pai
  8. Arto vs. Arto
  9. Uncrossed
  10. Unpair
  11. Pele de Perto






Arto Lindsay su OndaRock
Recensioni

ARTO LINDSAY

Encyclopedia Of Arto

(2014 - Northern Spy Records)
Un salto nel passato e uno nel futuro nella preziosa antologia di Lindsay

Live Report
Arto Lindsay on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.