August Rosenbaum

Vista

2017 (Tambourhinoceros) | downtempo, fusion, new age

Per la dj radiofonica della Bbc Mary Anne Hobbs la musica di August Rosenbaum è absolutely stunning. Un complimento che il giovane pianista danese si è conquistato grazie a dischi preziosi (come il live registrato con Jesper Thorn e Rasmus Lund) e collaborazioni importanti (ultima quella con Kim Gordon per una mostra d'arte).

Il suo nuovo album, “Vista”, si apre con le sonorità downtempo dell'avvolgente “Angelo”, una ballata di soul digitale che ricorda gli arrangiamenti di Craig Armstrong per i Massive Attack. La prima parte dell'album - per ora stampato solo in formato Lp – prosegue con languidi easy-jazz dal sapore tropicale (“Belmondo”) e morbide ballate fusion alla Steps Ahead (“Nomad”).

L'asso nella manica di Rosenbaum è un cantante soul danese dalla voce strabiliante, alla Stevie Wonder: Philip Owusu. E' l'ex-voce del duo Owusu & Hannibal (il cui unico album “Living With...” era tra gli ascolti preferiti del re mida del pop Pharrell Williams nel 2006) a mettere la firma sul singolo ”Calling Out”, in grado di catalizzare l'attenzione della Bbc.

Chiuso nel migliore dei modi il lato A dell'album con l'elegante r'n'b sintetico in stile Donald Fagen di “Skin”, il musicista danese dà sfogo alla sua vena più sperimentale sul lato B. Perlustrando prima la malinconia berlinese di Nils Frahm (“Tristana”), poi il soul futuristico della Cinematic Orchestra (“Emo”).

(05/12/2017)

  • Tracklist
  1. Angelo
  2. Belmondo
  3. Nomad
  4. Nebula
  5. Killer
  6. Calling Out
  7. Skin
  8. Tristana
  9. Emo
  10. Credo
  11. Wu
  12. Melville
  13. Victim

 

August Rosenbaum on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.