Bill Baird

Easy Machines

2017 (Talkshow) | bedroom-folk, country-rock, folk-rock

Studioso di musica ed eterna promessa: Bill Baird, così come la sua musica, non si può dire che manchi di intelligenza. E questo “Easy Machines”, realizzato insieme a un contemporaneo, ulteriore album solista (“Baby Blue Abyss”, di tenore del tutto diverso), ha tutti i difetti e i pregi di un disco coltivato “nell”'intelligenza, che vive prima di tutto per il piacere di chi l’ha composto ed eseguito.

Ballate da cameretta dallo spirito estremamente classico (“Never Go Home Again” e “Heaviness Of Flame” numeri da Beatles solisti, “Telephones” omaggia Harry Nilsson), dolci power-pop all’organetto (“You’re Someone Else”), arpeggiate alla Cohen (“Be Yourself”), rilucenti hammer-on da Americana per intenditori (il country di “Shape Shifting Game”, “Quicksilver Slip”), le canzoni di “Easy Machines” sono tanto colte quanto elusive, sfuggenti, curate di dettagli dei quali non importerà a nessuno.

Sia il sound che lo spirito della scrittura del disco evocano così un classico dimenticato, con una sensazione però di transitorietà, in presenza di brani che cercano prima di tutto di non farsi notare, sia nell’estetica che nella scrittura, entrambe sostanzialmente impersonali e da “osservatore”-studioso di musica. Per ora solo un rinnovo di un’eterna promessa.

(01/09/2017)



  • Tracklist
  1. Telephones
  2. Quicksilver Slip
  3. Shape Shifting Game
  4. Be Yourself
  5. As The Sun Will Rise This Dream Recedes
  6. Heaviness Of Flame
  7. Sound In Your Mind
  8. You’re Someone Else
  9. So Says Me
  10. Never Go Home Again
Bill Baird on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.