Bill Nelson

Chance Encounters In The Gardens Of Lights

2017 (Cocteau Discs) | ambient-synth-pop

Gli anni 70 erano ormai agli sgoccioli quando Bill Nelson decise di porre la parola fine alla band hard-glam dei Be Bop Deluxe. La successiva rottura con la Harvest e la creazione della sua etichetta personale (Cocteau Record) inaugurò un nuovo corso stilistico per il musicista, influenzato dalle avventurose sperimentazioni elettroniche di Brian Eno, Kraftwerk, Japan e John Foxx. Il chitarrista e tastierista inglese riuscì a ritagliarsi un proprio spazio nell'affollato panorama di quegli anni, sperimentando interazioni con altre forme d’arte, cogliendo elementi dell’espressionismo e del surrealismo, e infine amalgamandoli abilmente nelle sue innumerevoli produzioni. 

Con uno stile che metteva insieme minimalismo, ambient, romanticismo noir, suoni cosmici e synth-pop, Nelson pubblicò a cavallo tra il 1980 e il 2000 una trentina di progetti. Tra questi “Chase Encounters In The Garden Of Lights” rappresenta una potenziale summa espressiva, non tanto per la sua consistente mole di brani, quanto per la efficace interazione tra le sue parti.
Grazie alla Esoteric, questo piccolo gioiello della musica ambient, a molti ignoto, viene riproposto nella sua forma integrale, che include, oltre alle quaranta tracce del doppio vinile, anche quelle incluse in “Ecclesia Gnostica (Music For The Interior Church)”, un Ep accluso nelle prime copie, più una serie di inediti che non trovarono posto neanche nella corpulenta versione in cassetta.

Le suggestioni ambient di Brian Eno, le incursioni più avant-garde di Ryuichi Sakamoto  e il David Sylvian di “Gone To Earth” sono i riferimenti primari di questo convincente e suggestivo atto di meditazione sonora. Diviso in due capitoli (“The Angel At The Western Window”, e ”The Book Of Inward Conversation”), “Chase Encounters In The Garden Of Lights” è un progetto costruito su brevi istantanee sonore. I brani sono bozzetti più che vere e proprie canzoni, degli schizzi d’autore a volte incompiuti, pronti a diventare incandescenti nella loro connessione con gli altri brevi accenni sonori, preservando la loro unicità anche in un’improbabile sequenza d’ascolto casuale e priva di apparente connessione logica.

In verità, appare difficile segnalare qualche episodio in particolare, il tutto è infatti tenuto insieme da una forte componente spirituale e filosofica, non v’è nessuna traccia o elemento superfluo, al punto che l’album risulta fruibile sia in sottofondo sia con toni e volumi più sostenuti; le continue modulazioni armoniche, le intelligenti interconnessioni di chitarre, synth e drum machine non offrono spazio alla noia.
Se avete voglia di riscoprire il fascino più profondo della musica ambient, “Chase Encounters In The Garden Of Lights” è l’occasione giusta. Con questo imponente insieme di frammenti sonori, Bill Nelson ha scritto una delle pagine più complesse e raffinate della sua carriera, un album che, al contrario di molte opere similari e coeve, ha mantenuto intatto il suo fascino.

(12/10/2017)



  • Tracklist
CD 1:
The Angel At The Western Window
  1. West Keep
  2. The Spirit Cannot Fail
  3. Pilots Of Kite
  4. Seventh Seal
  5. Phantom Gardens
  6. The Angel Of Hearth And Home
  7. Villefranche Interior
  8. Night Tides
  9. First Memory
  10. Azure Extension
  11. Radiant Spires
  12. The Evening Peal
  13. Threnodia
  14. A Short Drink From A Certain Fountain
  15. Body Of Light
  16. At The Centre
  17. Self-Initiation
  18. The Word That Became Flesh
  19. The Hermetic Garden
  20. Revolving Globes
  21. The Four Square Citadel
  22. Little Daughters Of Light
  23. Orient Of Memphis
  24. The Angel At The Western Window Additional
  25. The Piano Room (Bonus Track)
  26. Rain Dance (Bonus Track)
  27. Aching Heart (Bonus Track)
  28. Arising (Bonus Track)
  29. Welcome To Realm Seven (Bonus Track)
  30. Without A Blue Horizon (Bonus Track)
  31. Female Nebula (Bonus Track)
  32. Demon Raising (Bonus Track)
  33. Burning The Grove Of Satyrs (Bonus Track)
  34. The Stuff That Dreams Are Made Of (Bonus Track)
  35. Realm Of Archons (Bonus Track)
  36. The Rossetti Effect (Bonus Track)
  37. Infinite Station (Bonus Track)
  38. Piano Angelica (Bonus Track)

CD 2 :
The Book Of Inward Conversation
  1. My Dark Daemon
  2. The Dove Consumed (The Serpent Slumbers)
  3. Calling Heaven, Calling Heaven, Over
  4. Path Of Return
  5. Theurgia
  6. Staircase To No Place
  7. Evocation Of A Radiant Childhood
  8. The Kingdom Of Consequence
  9. The Divine Raptures Of Sisterhood
  10. Bright Star (Moonlight Over Ocean Blue)
  11. A Bird Of The Air Shall Carry Thy Voice
  12. Clothed In Light Amongst The Stars
  13. Gnosis
  14. Bringers Of Light To The Feast
  15. Hastening The Chariot Of My Heart’s Desire
  16. Transcendent
  17. Consolamentum Ecclesia Gnostica (Music For The Interior Church)
  18. Set Me Up As A Seal Upon Thine Heart
  19. Mysterium
  20. Katharos
  21. Day Of Eternity
  22. Evening Adoration
  23. Ecclesia Gnostica
  24. Young Angels By An Ancient River
  25. Finis Gloria Mundi
P.S. Le tracce del secondo cd che vanno dal n 18 al n 25 fanno parte dell'Ep Ecclesia Gnostica (Music For The Interior Church)
Bill Nelsonís Orchestra Arcana su OndaRock
Recensioni

BILL NELSONíS ORCHESTRA ARCANA

Iconography (ristampa)

(2013 - Esoteric/Cherry Red)
Ristampato il vecchio progetto synth-pop di Nelson

Bill Nelson on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.