Birthday Massacre

Under Your Spell

2017 (Metropolis Records) | synth-rock, electro-goth

Nei primi anni di carriera i Birthday Massacre hanno pubblicato album solidi, i loro primi tre lavori del periodo 2002-2007 abbondano di pezzi trascinanti dalle melodie memorabili, sempre pennellati dalla talentuosissima cantante Chibi e dalla ricchezza elettronica degli arrangiamenti in bilico tra new wave, synth-pop, darkwave e chitarroni di stampo industrial-rock. Sono lavori insaporiti di sfumature retrò, che cercano anche di suonare moderni e mai stantii.
Negli ultimi anni, però, la loro proposta ha iniziato a perdere di energia e le "hit" melodiche si sono diradate e fatte meno incisive. Gli ultimi dischi "Hide And Seek" e "Superstition" rappresentano un periodo di flessione per il gruppo, che ha cercato di enfatizzare l'aspetto "synth" ma purtroppo ha anche iniziato ad accusare una certa stanchezza compositiva e prevedibilità.
Il nuovo disco "Under Your Spell", finanziato tramite la piattaforma di raccolta fondi PledgeMusic, non si discosta molto da queste coordinate consolidate, cercando di puntellarle qua e là con qualche maggiore venatura elettronica più distorta.

La formula di partenza del gruppo è consolidata. L'apertura è affidata al goth-rock in salsa Cure dalle sfumature elettroniche dell'iniziale, piacevole "One", che fa ben sperare per il resto del disco, e alla malinconica ballata synth/dark della title track. Canzoni ben suonate, in linea con quanto ci si aspetta dai canadesi, che forse sanno anche un pochino di già sentito ma godibilissime. "All Of Nothing" prova a variare le carte in tavola tingendosi di dubstep, ma è molto meno riuscita, come se dovesse decollare per poi non farlo mai. La stessa incompiutezza affiora da "Unkind", altrimenti un accattivante mix di elettropop e industrial-rock vicino ai Celldweller e ai Theatre Of Tragedy.
"Counterpane" mostra luci e ombre con melodie anthemiche di stampo pop 80, trascinanti ma non troppo, mescolate a riff distorti stantii. Su livelli più discreti si assestano la placida "Games" e l'incalzante electro-industrial di "Hex", molto eighties, che ha uno dei ritornelli meglio riusciti del disco. In altri momenti, invece, le canzoni sono semplicemente blande e sottotono, nonostante gli occhiolini a Depeche Mode ("Without You") o Skinny Puppy ("No Tomorrow"). "The Lowest Low" è una ballata dark abbastanza insipida. La conclusiva "Endless", molto più a fuoco, immerge un ritornello melodicissimo in un battito incalzante tra disco ed Ebm, a sostegno di un testo evocativo e allegorico.

Non sarebbe di per sé un problema il fatto che i Birthday Massacre tendano a ripetersi e a rinnovarsi poco, ma è un problema il fatto che ciò viene accompagnato da una minore quantità di idee messe a cuocere. Tutti gli ultimi album (compreso "Under Your Spell") offrono qualche canzone godibile, convincente, ma in mezzo a tanto materiale più anonimo, in cui occasionalmente emergono guizzi melodici che potevano essere approfonditi. Gli arrangiamenti si fanno più piatti e la stessa espressività canora di Chibi è diventata più monotona e meno ispirata. In "Under Your Spell" la sua emozionalità appare raffreddata rispetto alle prove degli esordi, molto più dinamiche e "colorate". Ed è come smussare la punta di diamante del gruppo.
Ma non bisogna pensare a un risultato stucchevole. Sembra come se i contenuti siano stirati, per arrivare alla lunghezza di un Lp, mentre degli Ep sarebbero forse stati più in sintonia con l'ispirazione del gruppo. I fan avranno di che apprezzare, ma chi fosse interessato a conoscere la proposta dei canadesi, comunque, farebbe meglio ad acquistare prima i più briosi dischi iniziali.

(02/07/2017)



  • Tracklist
  1. One
  2. Under Your Spell
  3. All Of Nothing
  4. Without You
  5. Counterpane
  6. Unkind
  7. Games
  8. Hex
  9. No Tomorrow
  10. The Lowest low
  11. Endless
Birthday Massacre su OndaRock
Birthday Massacre on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.