Black Tape For A Blue Girl

Blood On The Snow

2017 (Projekt Records) | neoclassical-darkwave

Dopo neanche 6 mesi dall'ultimo album "These Fleeting Moments", il progetto Black Tape For A Blue Girl di Sam Rosenthal ritorna con un Ep di quattro brani, prima pubblicazione nell'anno 2017. I brani proposti erano già stati annunciati da tempo, come potete leggere per esempio nell'intervista che lo stesso Rosenthal ci ha concesso lo scorso autunno. Nei piani sono previsti altri Ep, o comunque sufficiente materiale che l'artista statunitense spera di poter raccogliere per pubblicare un nuovo album entro la fine dell'anno.
Proseguendo nel sentiero della precedente uscita, che recuperava i suoni più cupi del periodo anni 90 del progetto, questo nuovo "Blood On The Snow" si focalizza su atmosfere oscure, costruite grazie ad arrangiamenti eleganti e maturi. Si tratta di pezzi tendenzialmente di maniera, ma che proprio per questo raggiungono lo stato dell'arte in quanto a stile e pulizia compositiva. Con tre decenni di carriera alle spalle, Rosenthal si è ritagliato la propria significativa nicchia nell'ambiente dark, in cui opera con la consueta personalità e maturità artistica. 

"Rubicon" è intensa e drammatica, con le chitarre acustiche alle quali nel finale si sovrappongono archi e percussioni per generare un'atmosfera imponente che sostiene l'espressiva voce di Oscar Herrera. "On Some Faraway Beach" riprende le melodie di tastiera del brano "With My Sorrow" dal classico "Remnants Of A Deeper Purity", ma la solennità del brano originale cede ora il posso a una malinconia più soffice e dolceamara, che ne trasfigura l'atmosfera. Parte del merito va anche a Danielle Herrera, la cui voce addolorata si adagia sulle note cullanti della tastiera. "Blood On The Snow I" è una strumentale dolente e mesmerizzante, a lungo andare forse un po' monotona, ma la ripetitività dei suoni è necessaria per rendere le atmosfere ancora più inquietanti e non stanca. Anzi, rende adeguatamente l'immagine del titolo, il contrasto tra il candore (e il gelo) di un paesaggio innevato e la violenza di macchie insanguinate. Il nome inoltre fa presagire che ci sia un seguito, già composto e non solo previsto, che quindi possiamo aspettarci a breve. 

Infine, il picco di evocatività è probabilmente raggiunto con la conclusiva "The Apostate", dove archi ed effetti elettronici si combinano per esaltare ancora di più il talento e l'esperienza vocali di Oscar Herrera.
Attendiamo quindi con fiducia le prossime nuove uscite a nome Black tape.

(11/03/2017)



  • Tracklist
  1. The Rubicon
  2. On Some Faraway Beach
  3. Blood On The Snow I
  4. The Apostate
Black Tape For A Blue Girl su OndaRock
Recensioni

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

These Fleeting Moments

(2016 - Projekt)
L'atteso ritorno di Sam Rosenthal sotto il suo storico moniker darkwave

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Limitless

(2016 - Projekt Records)
Un mini che ha anticipato il ritorno dopo 7 anni della creatura darkwave di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Tenderotics

(2013 - Projekt)
Torna lo storico marchio di Sam Rosenthal per una manciata di remix

SAM ROSENTHAL

Tanzmusik (ristampa)

(2012 - Mannequin)
La ristampa di un gioiello incastonato di sogni sintetici e piccoli sentieri elettronici

SAM ROSENTHAL

The Passage

(2011 - Projekt)
Un nuovo capitolo per la recente saga ambientale di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

10 Neurotics

(2009 - Projekt)
Cambia pelle all'insegna del dark-cabaret lo storico progetto di Sam Rosenthal

BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL

Remnants Of A Deeper Purity

(1996 - Projekt)
Il capolavoro gotico della band di Sam Rosenthal e dell'intera epopea Projekt

Black Tape For A Blue Girl on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.