Elettronoir

Suzu

2017 (Goldmine) | new wave, alt-pop

I romani Elettronoir, fondati nella prima metà dei 2000, debuttano con lo spartano e sperimentale “Dal fronte dei colpevoli” (2005), innervato da quattro sorgenti stilistiche: cavatine per piano, basi techno-jungle, meste cantillazioni in trance, spezzoni di dialoghi di film. Più pop il singolo “Diva” (2007), cui segue il transitorio Ep di cover e scarti “102006” (2007), comunque utile a chiarire il loro debito verso il Ferretti languido del periodo Csi. Con “Non un passo indietro” (2008) il complesso continua a vagare per il suo calvario psicosociale, a un tempo più lugubre e più ballabile (“Qui non si muore”, “La ballata della violenza”, “Berliner”). Troppo esteso e monotono suona invece il ciclo di canzoni “E che non se parli più” (2014), a chiudere un’ideale trilogia.

Tutt’altro acchito, preciso e ragionato fino all’essenzialità, pervade “Suzu”, anzitutto nel respiro compatto della tracklist, e nella maestosità della loro concezione. Soprattutto, dopo svariati cambi di line-up, ora il complesso si focalizza come mai prima attorno ai due membri storici, Marco Pantosti e Georgia Lee, e alle rispettive competenze.
Pantosti è deputato al solito rosario pianistico da Tenco ammalato d’oblio tecnologico: “Divisione Satie” (coerentemente col titolo, un ibrido di musica da camera e avanguardia elettronica), “La seduzione di Eva”, “La dedica”. Dall’altro lato Georgia Lee quasi gli ruba la scena, alzando il ritmo fino a far progredire di una tacca l’antica wave italica, a partire dal calzante preambolo crepuscolare di “Tracciante”, a sfociare in techno alla Giuni Russo, un po’ shuffle sensuali e un po’ mantra tibetani, “Postal Market” e “Resonance”. Il maggior fascino, però, lo ottiene “Guernica”, spartita tra invocazioni maghrebine, percussioni rumorose e instabili e fluttuanti droni elettronici.

Album scisso, dunque, che il finale peraltro non rimargina (la title track strumentale si limita ad abbassare genericamente i toni), scarso nell’innovazione del suono, ma nient’affatto forzoso, cementato da Maurizio Sarnicola - basso aggiunto e soprattutto co-direttore artistico - essenziale nell’esaltare sapidamente intonazioni poetiche che sanno di amori traviati più che d’ingiustizie sociopolitiche. A più di dieci anni dalla nascita del progetto, questo è il loro consuntivo, consuntivo scheletrico, zombiesco, qui e là tentato dalla depressione, e mai, comunque, dalla disperazione. Per appassionati di ferro d’esistenzialismo e spleen, ma un ascolto fa bene un po' a tutti.

(03/01/2018)

  • Tracklist
  1. Divisione Satie
  2. Tracciante
  3. Postal Market
  4. La seduzione di Eva
  5. Guernica
  6. Resonance
  7. La dedica
  8. Suzu
Elettronoir on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.