Flaming Lips

Oczy Mlody

2017 (Bella Union) | psych-rock

Nel 2013, "The Terror" aveva aperto una nuova possibile lettura nell'universo Flaming Lips. Fatta piazza pulita degli elementi ludici e delle bizzarrie che, fino a quel momento, avevano costantemente adornato il loro concetto di psichedelia, i Lips di "The Terror" si erano liberati degli orpelli cartooneschi, per portare alla luce un senso di paranoia opprimente che, nelle opere maggiori, si limitava a giacere sotto la superficie.
Se è vero che il suddetto lavoro non appariva centrato in ogni passaggio, esso aveva però saputo restituire l'idea di una desolazione cosmica raramente affrontata di petto da Wayne Coyne e compagni, tanto che erano stati in molti a identificarlo come un'inedita svolta intimista.

Ed è proprio nel solco di quelle atmosfere allucinate e ansiogene che prende forma il qui presente "Oczy Mlody", anch'esso dominato da uno psych-rock screziato di elettronica che si fa figurazione di uno stato di spaesamento. Mentre però la nuova fatica del gruppo di Oklahoma City sa trovare una ragion d'essere all'interno di un itinerario artistico coerente, sotto l'aspetto prettamente musicale fluttua senza trovare un appiglio.
L'iniziale "How??" è già emblematica in tal senso: da un lato la scrittura fatica a trovare slanci, dall'altro la disumanizzazione cui l'impianto sonoro è stato sottoposto toglie mordente alle interpretazioni. Dispersa in una solitudine tracciata da pattern scheletrici di drum machine, bassi saturati e ambienti onirici disegnati dai synth, la voce di Coyne sembra costituire l'unico, flebile lampo vitale, se non altro nel dare corpo a un'immaginazione "produttiva" che ciondola tra la dimensione del fantastico e quella dell'assurdo.

Non si pensi, però, che titoli come "Listening To The Frogs With Demon Eyes" o "There Should Be Unicorns" possano alludere a un ritorno al mondo multicolore di uno "Yoshimi". Quella stravaganza che, fino a quattro/cinque anni fa, era sempre stata piatto della casa sul piano sonoro, sopravvive qui esclusivamente a livello testuale, dove il cantante si diverte a tracciare con meraviglia infantile un immaginario fatto di creature meravigliose, salvo poi sbeffeggiarle nella scatologia ("At first there should be unicorns. The ones with the purple eyes, not the ones with green eyes. Whatever they give them, they shit everywhere").
La stasi che si respira dal lavoro strumentale toglie però stupore dinnanzi a tutto questo, così che l'album suona più che altro come discorso lasciato in sospeso, in costante attesa di una melodia trascinante che giustifichi le scelte estetiche e che, a onor del vero, non arriva mai.

La quasi title track "Sunrise (Eyes Of The Young)" - traduzione, quest'ultima, dal polacco "Oczy Mlody" - si sforza di guardare al mèlo stralunato di "The Soft Bulletin" senza recuperarne la potenza espressiva, mentre l'intermezzo "Nigdy Nie (Never No)" sa di kosmische musik edulcorata. L'estro melodico della band emette finalmente qualche vagito nel sci-fi/noir "One Night While Hunting For Faeries And Wizards And Witches To Kill" e nella pop ballad "The Castle", pubblicata come singolo, anche se l'ottima preparazione, con chitarre beachhousiane, avrebbe probabilmente meritato un ritornello migliore.
Com'è ormai lecito attendersi di questi tempi dai Flaming Lips, giunge in conclusione un duetto con Miley Cyrus, ormai più musa che semplice "heady fwend" e, paradosso dei paradossi, il suo intervento sulla "Do You Realize??" in miniatura "We A Family" riesce a ripulire l'ambiente dal torpore generale. Troppo poco, però, per distogliere l'attenzione da un'evidente impasse di cui si fa portavoce (sin dal titolo) "Galaxie, I Sink", accesa da una grandeur solamente apparente, ma in realtà paradigmatica nel fotografare una band che sta rischiando di smarrirsi tra le proprie escursioni intergalattiche.

(26/01/2017)

  • Tracklist
  1. Oczy Mlody
  2. How
  3. There Should Be Unicorns
  4. Sunrise (Eyes of the Young)
  5. Nigdy Nie (Never No)
  6. Galaxy I Sink
  7. One Night While Hunting For Faeries and Witches and Wizards to Kill
  8. Do Glowy
  9. Listening to the Frogs with Demon Eyes
  10. The Castle
  11. Almost Home (Bliski Domu)
  12. We A Family
Flaming Lips su OndaRock
Recensioni

FLAMING LIPS

Scratching The Door: The First Recordings Of The Flaming Lips

(2018 - Rhino Records/Warner Bros.)
La ristampa delle prime registrazioni del gruppo

FLAMING LIPS

7 Skies H3

(2014 - Warner Bros)
La psichedelia cupa della band nella versione condensata della folle “24 Hour Song Skull” ..

FLAMING LIPS

The Terror

(2013 - Bella Union)
Il flusso di coscienza del nuovo disco di inediti della masnada di Wayne Coyne

FLAMING LIPS

Flaming Lips And Heady Fwends

(2012 - Bella Union)
All'esordio con la Bella Union, la band americana pubblica un sunto delle sue ultime collaborazioni

FLAMING LIPS

Strobo Trip

(2011 - Warner Bros./ Lovely Sorts of Death)
La pazzia visionaria di Wayne Coyne in sei ore di deliri psichedelici

FLAMING LIPS

Embryonic

(2009 - Warner Bros.)
La nuova, delirante jam electro neo-psichedelica della band di Wayne Coyne in un doppio cd da 70 minuti ..

FLAMING LIPS

...Doing The Dark Side Of The Moon

(2009 - Autoprodotto)
Il sorprendente viaggio dei Flaming Lips nell'opera più discussa e amata dei Pink Floyd, insieme ..

FLAMING LIPS

At War With The Mystics

(2006 - Warner Bros.)
Il parziale (e riuscito) ritorno al rock della band di Wayne Coyne

News
Live Report
Flaming Lips on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.