Fleet Foxes

Crack-Up

2017 (Nonesuch) | folk-rock, baroque-folk-pop

Quello che è successo ormai cinque anni fa, in seguito al tour legato a "Helplessness Blues", è una (non) storia risaputa. I Fleet Foxes sembrano sfaldarsi: Josh Tillman abbandona la band (non senza un pizzico di acrimonia) insieme al suo lamentoso progetto solista per lanciarsi alla ribalta con il più sarcastico e ostentatamente piacione e pretenzioso nickname Father John Misty, mentre anche Christian Wargo lancia un nuovo side project, i Poor Moon (con il tastierista dei FF Casey Wescott). Intanto, non inaspettatamente (nel bene e nel male, s'intende), mentre Tillman raggiunge la fama agognata vendendo un po' d'anima al diavolo, Pecknold si concede al massimo qualche sparuta comparsata social - in una delle quali annuncia di aver ripreso gli studi alla Columbia, a New York. In un topic su Reddit open question, Pecknold ha raccontato che lo iato della band le ha permesso anche di guadare il periodo in cui la musica folk, o almeno i suoi stilemi, era diventata il pane quotidiano della musica di massa, e che a quel punto (il 2016) si sentiva di nuovo in grado di proporre un nuovo album a firma Fleet Foxes senza sentirsi in dovere di snaturare il loro sound, e soprattutto in un clima più "accettabile" dal punto di vista culturale.

Tutte queste circostanze, del tutto umane ma anche rivelatrici di un processo più cerebrale che di crescita artistica, giustificano il carattere "pensato", rimuginato dell'attesissimo ritorno della band, intitolato "Crack-Up". Già i primi due dischi mostravano una tendenza netta nella scrittura di Pecknold, sempre meno melodica e sempre più impressionistica, con un focus sempre maggiore sulla dinamica, sulla stratificazione. Interpolare tra i primi due sarebbe stata un'operazione possibile ma pericolosa, eppure anche questo immaginario terzo "punto" sembra allinearsi perfettamente - e ora la proiezione è di sei anni in avanti.
Insomma, "Crack-Up" è un disco a cui è stato dedicato molto tempo, ed è il risultato di molti dubbi. Nella sua pretesa complessità, di queste tracce torrenziali, spesso suddivise in pièce (stavolta addirittura anche triple), filtra indecisione, e, come spesso accade per un alunno zelante come Pecknold (col quale non si può non simpatizzare), l'ansia di dimostrare qualcosa. Ad esempio, attraverso un sound più rarefatto e discontinuo, abbandonando la pienezza tipica della band, per approdare a un non ben identificato framework sonoro ritratto, convoluto. Non risulta, nonostante tutto, un album pretenzioso, anzi, come non mai è percepibile l'amore per la musica e per lo studio.

Si è rotto, o perlomeno anchilosato, però, l'organo di comunicazione di Robin con il suo pubblico, a sentire il carattere ermetico delle sue melodie e quello magniloquente degli arrangiamenti, tra i quali compaiono ora suggestioni orchestrali. Ci sono tante variazioni, tanto affascinanti quanto indisponenti, in "Crack-Up": il tentativo baritonale del crooning alla Harry Nilsson di "I Should See Memphis"; la ballata minimalista, "urban-folk", vagamente Vernon-iana di "If You Need To, Keep Time On Me", riferimento ripreso anche nella rarefatta chiusura polifonica, con accompagnamento di fiati, della title track; ci sono giochi di scale proggheggianti, come in "Mearcstapa" e "Fool's Errand". Soprattutto, ci sono tante costruzioni melodiche sghembe, capziose, in cui si alternano piattissime parti in maggiore a digressioni stonate ("Kept Woman" sembra un brano brutto delle First Aid Kit, anche se pare credersi diversamente), frammiste a soluzioni già percorse, che suonano riscaldate ("Cassius").

Insomma, la mutazione da band del rinascimento musicale popolare a feticcio dell'intellighenzia giovanile è completato (NB: questo non è un giudizio di merito), e se questo era il paletto che interessava mettere a Pecknold, ci è riuscito. Se però "Crack-Up" fosse l'atteso ritorno cinematografico di un giovane regista, sarebbe quell'opera raffinata che tutti accorrerebbero a elogiare per la sua "complessità", per il suo "coraggio", con grandi pacche sulle spalle e contorno di spiazzati ammiccamenti strabuzzati. In realtà il rinnovamento stilistico dei Fleet Foxes appare ancora piuttosto abbozzato: gli arrangiamenti e le scelte stilistiche sono in fondo il prodotto di un capriccio intellettuale, e la scrittura di Pecknold è la meno ispirata e più "masticata" che ha mai prodotto.
Non sarebbe una sorpresa se questo si rivelasse l'ultimo album dei Fleet Foxes, una sorta di reunion accelerata, per una dissoluzione ancora più accelerata, verso quel "qualcosa di nuovo" che rimane il desiderio nascosto del suo frontman.

(02/07/2017)



  • Tracklist
  1. I Am All That I Need / Arroyo Seco / Thumbprint Scar
  2. Cassius, -
  3. - Naiads, Cassadies
  4. Kept Woman
  5. Third of May / Ōdaigahara
  6. If You Need To, Keep Time on Me
  7. Mearcstapa
  8. On Another Ocean (January / June)
  9. Fool's Errand
  10. I Should See Memphis
  11. Crack-Up
Fleet Foxes su OndaRock
Recensioni

FLEET FOXES

Helplessness Blues

(2011 - Sub Pop / Bella Union)
L'attesa seconda prova di Robin Pecknold e soci, alla ricerca di un'unicità atemporale

FLEET FOXES

Fleet Foxes

(2008 - Sub Pop)
Esemplare ricetta di pop soft-folk trafugata da qualche anfratto di Paradiso

Fleet Foxes on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.