Geodetic

Broken Consonance

2017 (Maple Death Records) | idm, industrial, experimental

Claudio Rocchetti (In Zaire, ¾HadBeenEliminated, Olyvetty, Hypnoflash) e Jukka Reverberi (Giardini di Mirò, Bastion, Crimea X, Spartiti) hanno messo in piedi il progetto “Geodetic” sul finire del 2016, passandosi nottetempo via web urticante materiale sonoro sull'asse Bolzano-Reggio Emilia.
Il risultato è l'esordio, dal titolo programmatico, “Broken Consonance”: una sintesi ipnotizzante tra Idm a marchio Boards Of Canada prima maniera (quelli della mini-collana “Old Tunes” e di “Hi Scores”, per intenderci), industrial targato Cabaret Voltaire (“Red Mecca” su tutti) e sperimentazione noise a nome Maurizio Bianchi.
Jonathan Clancy (His Clancyness, Settlefish, A Classic Education) si è poi occupato di riversare questi scambi e-pistolari su granuloso nastro magnetico, affidandosi a Nico Pasquini (alias "Stromboli"), e con l'incursione grafica di Giulia Mazza ha pubblicato “Broken Consonance” in cento copie sulla sua Maple Death Records.

L'album si apre con “I” tra mesmeriche pulsazioni, handclap ossessivi e fendenti sintetici che ci trascinano in uno stato di suadente alienazione, generato da “II” attraverso ciondolanti variazioni trip-hop a bassissima fedeltà. Al crocevia tra una techno estatica e una sorta di docu-industrial, si trovano invece le coordinate per raggiungere gli stadi “III” e “IV” del trip neurale offerto da Rocchetti-Reverberi, nel bel mezzo del quale tornano alla mente certi episodi di “Alone Together”, unicum discografico della fulgida meteora Children's Hospital.
Lasciati alle spalle i funerei rintocchi perpetuati in “V”, il cerchio si chiude con le visioni infernali insufflate da “VI”, cosparse di martellanti suggestioni di fascinazione neubauteniana.

Diviso tra derivazione e intuizione, “Broken Consonance” è un debutto che puzza di schizofrenico divertissement e, al contempo, suona come una dichiarazione di intenti dei due musicisti a coltivare il progetto “Geodetic” nel solco di una continua - e spiazzante - metamorfosi. Conoscendo la caratura dei fondatori, siamo convinti che sia così.

(18/07/2017)



  • Tracklist
  1. I
  2. II
  3. III
  4. IV
  5. V
  6. VI
Geodetic su OndaRock
Recensioni

GEODETIC

Cold Lights

(2017 - Instruments Of Discipline)
A distanza di pochi mesi, la ditta Rocchetti-Reverberi sforna un Ep dalle abrasive sonorità industrial-techno ..



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.