Idles

Brutalism

2017 (Norman) | post-hardcore, wave

La più grande sorpresa post-hardcore di quest'anno arriva da Bristol, concreta dimostrazione di come nel 2017 esistano ancora tante formazioni che scelgono di suonare come se ogni brano fosse l'ultimo della propria vita.
"Brutalism", non poteva esserci titolo più azzeccato per un esordio sulla lunga distanza (dopo tre Ep che consiglio di recuperare per avere un quadro completo del quintetto) che intende scuotere dall'interno la Vecchia Inghilterra: un lavoro forte, nel quale gli Idles riversano tutto il disagio derivante dall'attuale congiuntura socio-politica britannica.

Un po' come accaduto di recente con i Downtown Boys sull'altra sponda dell'Oceano Atlantico, dove monta furente l'indignazione anti-Trump, anche oltre Manica esistono validi motivi per sostenere con decisione una chiamata alle armi: in tale scenario la Brexit - con tutte le conseguenze che sta provocando - non è che una delle molteplici argomentazioni plausibili per gridare il proprio dissenso contro il sistema.
La rabbia si concretizza con impeto furioso sin dall'iniziale "Heel Heal", sgorgando in maniera dirompente anche nella successiva "Well Done", un anthem che unisce lo spirito ribelle di Fall e Fugazi alle dissonanze noise dei Sonic Youth, e così via per tredici tracce dalla costante forza d'urto.

Non mancano i ritornelli potenti ma melodici, in grado di addolcire momentaneamente le strutture, come nel caso di "Date Night", "Stendhal Syndrome" e "Benzocaine", e certe tendenze wave che si avvistano dalle parti della conclusiva "Slow Savage" - unico momento di calma decadente - o fra le pieghe della musicalmente molto Interpol "1049 Gotho".
L'ironia dei testi è tagliente (basti notare quanto possa essere dissacrante un titolo come "Faith In The City"...), le tematiche di grandissima attualità, il risultato a dir poco esplosivo, con Joseph Talbot intento a gridare con indignazione nel microfono i propri slogan a difesa della working class, senza mai lasciare dubbi sull'interpretazione.

I principali destinatari delle invettive sono i Tories, i seguaci del Conservative Party (ascoltate un po' "Mother"...), e l'immobilismo della provincia inglese (nella punk-rock "Exeter" gridano con rassegnazione "Nothing Ever Happens"): nulla di nuovo sotto il sole, ma tutto viene attualizzato alla luce dell'odierno contesto politico e sociale.
Il mezzo utilizzato è sempre lo stesso, la musica, ma le motivazioni per scagliarsi contro la macchina sono - ahimè - ogni volta nuove. Gli attori della politica si confermano campioni nel fornire quegli assist decisivi, perfetti per generare in risposta gli attacchi frontali del rocker (o rapper) di turno. Averne in Italia di contestatori tanto eloquenti, efficaci e coraggiosi.

(30/08/2017)

  • Tracklist
  1. Heel Heal
  2. Well Done
  3. Mother
  4. Date Night
  5. Faith In The City
  6. 1049 Gotho
  7. Divide & Conquer
  8. Rachel Khoo
  9. Stendhal Syndrome
  10. Exeter
  11. Benzocaine
  12. White Privilege
  13. Slow Savage


Idles on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.