Jake Xerxes Fussell

What In The Natural World

2017 (Paradise Of Bachelors) | folk

Negli ultimi anni la musica folk è stata spesso al centro dell’attenzione dei protagonisti della scena indie, a cavallo di revival in chiave psichedelica, weird o gothic. Si è così rinnovata l’interazione tra l’underground e la cultura popolare. Al di là delle passioni fugaci e momentanee di molti giovani cantautori in cerca d’ispirazione, si è contemporaneamente sviluppata una generazione di archivisti del folk e del blues, musicisti attenti a uno studio sistematico delle radici.

Se l’inglese Davey Graham ha trovato in Sam Lee il suo degno successore, dall’altra parte del globo Jake Xerxes Fussell si è candidato a novello Alan Lomax della musica americana. Come nel caso del suo alter-ego bretone, anche per Jake Xerxes si tratta di una conquista sul campo, frutto di anni e anni di ricerca, prima insieme al padre Fred Fussell (grande ricercatore e archivista di folk insieme alla moglie Cathy), poi con degli studi approfonditi all’Università del Mississippi.
Etta Baker, Robert Wilkins, Precious Bryant, Steve Mann e George Daniel sono solo alcuni dei nomi importanti che il musicista ha incontrato nel suo cammino: esperienze fondamentali per la realizzazione dell’interessante esordio del 2015 prodotto da William Tyler.
Per il secondo album, “What In The Natural World”, Jake Xerxes ha messo su un vero e proprio collettivo di musicisti: Nathan Bowles, Nathan Salsburg, Nathan Golub, Joan Shelley e Casey Toll.

Alla maniera di Ry Cooder, il musicista americano rielabora e reinventa un interessante campionario di musica tradizionale, preservandone la natura molteplice e spesso antitetica.
La forza narrativa di Jake Xerxes Fussell è sorprendente: la musica scorre con la stessa energia di un disco dei Pogues o di Billy Bragg (“St. Brendan’s Isle”) e con lo stesso vigore poetico di Bob Dylan o Pete Seeger (“Canyoneers”).
Il musicista scava in profondità, catturando gli elementi poetici essenziali e rinnovandone il linguaggio lirico; esemplare è la rilettura in chiave jazz-blues con tanto di robusta sezione ritmica di “Bells Of Rhymney”: una poesia di Idris Davies che Pete Seeger e poi i Byrds resero famosa con toni più sobri e malinconici.

Musicista dotato e raffinato, Jake è anche un eccellente performer. La voce profonda e duttile rende giustizia alla complessa e ricca ballata “Have You Ever Seen Peaches Growing On A Sweet Potato Vine?”, un brano di Jimmy Lee Williams che Jake scuote con ritmi sincopati e accordi taglienti di chitarra, emulando il rinnovamento della tradizione di Steve Gunn e di Nathan Bowles. Anche “Lowe Bonnie” è graziata da una stupenda performance vocale, mentre il tono malinconico e sofferto gronda di sudore e polvere.
Album apparentemente ordinario, “What In The Natural World” è al contrario uno dei più brillanti lavori folk degli ultimi tempi. Jake Xerxes non solo è un abile chitarrista, ma il suo stile è avvolgente e ricco di swing, al punto da reinventare in chiave folk un brano di Duke Ellington (“Jump For Joy”) o nobilitare una suggestiva e misconosciuta ballata di Helen Cockram (“Pinnacle Mountain Super Mine”).

Ascoltare la musica di Fussell è un po’ come osservare dalle finestre di una metropoli un angolo dimenticato e nascosto, dove il tempo sembra essersi fermato.
Il cantato spesso è discorsivo, quasi come un racconto, la musica è a volte struggente, agrodolce (“Billy Button”), oppure sognante e malinconica (“Furniture Man”), ma l’elemento costante resta l’intrigo intellettuale che scaturisce da un vincente connubio tra passione e intuito. Ogni brano è un racconto, un pezzo di storia che il musicista ha assimilato e assorbito fino a farlo proprio per riproporlo con rinnovata energia.

Con “What In The Natural World”, Jake Xerxes Fussell riporta sotto i riflettori la tradizione popolare folk, esaltandone gli aspetti più aulici e ancestrali, rinnovandone la poetica e la forza innovatrice. Un inatteso regalo per i cultori del folk-blues e un interessante album propedeutico per tutti coloro che desiderano incominciare un’esplorazione più approfondita delle radici del rock.

(11/04/2017)



  • Tracklist
  1. Jump For Joy     
  2. Have You Ever Seen Peaches Growing On A Sweet Potato Vine?     
  3. Pinnacle Mountain Silver Mine     
  4. Furniture Man     
  5. Bells Of Rhymney     
  6. Billy Button     
  7. Canyoneers     
  8. St. Brendan's Isle     
  9. Lowe Bonnie


Jake Xerxes Fussell on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.