Juanita Stein

America

2017 (Nude) | country

A dispetto delle premesse, gli australiani Howling Bells non hanno mai realmente fatto breccia nel sempre più ricco panorama dell'alternative rock, neanche le iniezioni di fiducia del pubblico inglese e la prorompente personalità della cantante Juanita Stein sono state sufficienti per trascinare la loro musica fuori dal torpore di una gradevole mediocrità.
"America" vede la discesa in campo della sola vocalist del gruppo, con un album intriso di un folk-pop vagamente retrò, con intensi richiami country-western e un'attenzione a quell'immaginario cinematografico che si rispecchia nella musica di Patsy Cline o di Chris Isaak.

L'operazione è in parte stimolante, ma l'incapacità di uscire dai citati cliché non aiuta del tutto la cantante australiana, che nel tentativo di rievocare il candore sognante del folk pre-war confonde la leggerezza di Patsy Cline con la sensualità di Lana Del Rey, restando sospesa in un limbo creativo che suona a tratti anche piacevole e stuzzicante ("Dark Horse", "It's All Wrong"), senza mai convincere fino in fondo.

Non è che manchino le belle canzoni, anzi, brani come "Florence", "Black Winds" e "Cold Comfort" evocano scenari suggestivi, a tratti forzatamente lynchiani (il paragone con Lana Del Rey è ricorrente e mai a favore della cantante australiana), ma solo nella malinconica e ambigua "I'll Cry" Juanita Stein riesce a sconfiggere il fascino epidermico di un album destinato ad ascolti fugaci e distratti.

(14/09/2017)



  • Tracklist
  1. Florence
  2. Dark Horse
  3. Black Winds
  4. I'll Cry
  5. Stargazer
  6. Shimmering
  7. Someone Else's Dime
  8. It's All Wrong
  9. Not Paradise
  10. Cold Comfort
  11. America




Juanita Stein on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.