Kangding Ray

Hyper Opal Mantis

2017 (Stroboscopic Artefacts) | techno

David Letellier, in arte Kangding Ray, si è recentemente accasato presso la Stroboscopic Artefacts di Luca Martellaro, aka Lucy. Questo suo sesto disco si preannuncia, sin dal titolo, come una sorta di viaggio sonoro a più puntate dentro la psiche. Un lungo trip per sondare il contrasto che intercorre tra elemento umano ed elemento artificiale mediante l'ausilio di tre differenti stati del desiderio e della coscienza: Hyper, Opal e Mantis. Hyper indica la lussuria, Opal la catarsi emozionale, il desiderio d'amore; mentre Mantis, come l'insetto da cui prende il nome, è l'attrazione letale definitiva che conduce inesorabilmente e tragicamente alla morte.

Fatte dunque le opportune premesse sui vari significati caratterizzanti l'opera, l'album si divide per l'appunto in tre differenti momenti, con le atmosfere messe in campo atte a quantificare sui diversi piani umorali il messaggio che il producer francese, di stanza a Berlino, vuole lanciare. Il trittico iniziale "Rubi", "Lone Pyramids", "Epsilon" non fa altro che risaltare la tensione emotiva calibrata nelle astrazioni techno palesate a suo tempo nel meraviglioso "Solens Arc". Groove androide, saette sintetiche e una collaudata ossessività delineano questi tre episodi, in un crescendo volutamente lussurioso e al contempo straniante. Il cuore del disco è difatti il più importante e vitale. E non a caso sono ben quattro le tracce che lo definiscono.

A differenza della prima parte più spinta e deviata, nel capitolo Opal Letellier amplifica l'utilizzo celeste del synth da contorno al ritmo decisamente più pacato, come nel caso della pachidermica "Purple Phase", e allo stesso tempo disinnesca momentaneamente i propri ordigni travestendosi da corriere cosmico ("Dune"), prima di tornare gradualmente a spingere sull'acceleratore giochicchiando con le consuete bordate ("Soul Surfing", "Outremer"). La mantide religiosa metaforizzata dall'ultimo stadio dell'album non può che segnare le restanti tre tracce, attraverso le quali traspare una sorta di perdizione ritmica e sonora che tende ad affievolirsi nella conclusiva ed eterea "Laniakea", con tanto di rallentamento in coda e stasi ipnotica.

Al di là dell'aspetto meramente concettuale, Kangding Ray ha messo in piedi un album capace di mordere qua e là, e al contempo straniare. Certo, manca la carica disarmante, l'aggressività paventata con stile in quello che resta ancora oggi il suo lavoro migliore, il già citato "Solens Arc". Tuttavia, l'introverso e sagace producer transalpino riesce ugualmente a regalarci diversi momenti ben "architettati" e di discreto spessore.

(30/04/2017)

  • Tracklist
  1. Rubi
  2. Lone Pyramids
  3. Epsilon
  4. Purple Phase
  5. Dune
  6. Soul Surfing
  7. Outremer
  8. Onde Mantis
  9. Saudade
  10. Laniake
Kangding Ray su OndaRock
Recensioni

KANGDING RAY

Solens Arc

(2014 - Raster - Noton)
David Letellier torna a far brillare il catalogo Raster-Noton dando alle stampe il suo capolavoro

KANGDING RAY

The Pentaki Slopes

(2012 - Raster-noton)
La cartolina d'auguri di Raster-noton porta la firma techno di David Letellier

Live Report
Kangding Ray on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.