Mary Lattimore

Collected Pieces

2017 (Ghostly International) | folk, ambient

Una scatola piena di ricordi, per dirla con le parole della stessa Mary Lattimore. Questo il senso di "Collected Pieces", che raccoglie "ricordi vissuti negli ultimi dodici anni, tra bellezza e dolore, tra il sole accecante e più di qualche oscurità". Una raccolta di brani rimasti chiusi in un cassetto: è da qualche anno, infatti, che Mary Lattimore pubblica dischi a suo nome, quasi sempre aiutata dall'amico Jeff Zeigler. Uno degli ultimi, "At The Dam", l'ha vista esordire per la prestigiosa Ghostly International e ora l'etichetta americana pubblica su musicassetta (e in dl) il nuovo album di Mary Lattimore, "Collected Pieces".

Arpista con formazione classica prestata al mondo del pop (Thurstone Moore, Kurt Vile, Steve Gunn, Meg Baird, Sharon Van Etten e Jarvis Cocker), Mary Lattimore mostra il suo incredibile talento con una raccolta di sei strumentali che variano dai quattro ai tredici minuti di durata. "Wawa By The Ocean" apre la scaletta nel migliore dei modi, con una melodia bucolica che si perde tra fraseggi messi in loop su una cascata di ricordi. Dieci minuti di estatico folk celestiale. Ancora più lungo il racconto sulla seguente "Bold Rides", tredici minuti abbondanti durante i quali Mary mette in mostra gli spigoli della sua musica, tra echi di folk orientale e lievi dissonanze bagnate da un coro di riverberi.

"We Just Found Out She Died" sembra poter aspirare a tema della nuova stagione di "Twin Peaks": in effetti il brano è stato scritto dopo che Mary ha assistito a una lettura di Margaret Lanterman, alias la Signora Ceppo, in una libreria di Philadelphia. È il pezzo più breve dell'intera cassetta (meno di cinque minuti di durata) e anche il più suggestivo, grazie a un arpeggio che nasconde una voce degna delle produzioni della Hyperium degli anni 90. Un incanto.

(24/04/2017)

  • Tracklist
  1. Wawa By The Ocean
  2. Bold Rides
  3. We Just Found Out She Died
  4. It Was Late And We Watched The Motel Burn
  5. The Warm Shoulder
  6. Your Glossy Camry
Mary Lattimore on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.