Mastodon

Cold Dark Place

2017 (Reprise Records) | psych-hard-rock

Ritornano i Mastodon dopo soli pochi mesi con un nuovo Ep, intitolato "Cold Dark Place". I brani che lo compongono provengono tutti dalle sessioni di registrazione di "Once More 'round the Sun" del 2014, tranne per la canzone "Toe To Toes" che invece proviene dall'ultimo "Emperor of Sand". Tutti sono farina del sacco di Brent Hinds, che li aveva inizialmente scartati per poi volerli ri-registrare meglio, rendendo di fatto l'Ep praticamente un suo lavoro solista.

Gli umori crepuscolari contribuisono a rendere l'atmosfera malinconica e avvolgente, ma gli americani ci mettono del loro per dare anche un tocco psichedelico in più che rende l'ascolto onirico. È evidente l'influenza del progressive-rock, con richiami a Rush e Pink Floyd a dare sapore ai pezzi, non disdegnando influenze space-rock più vicine a gruppi come gli Hawkwind. In particolare, la mesta title track finale è esemplificativa da questo punto di vista, un sognante ed etereo intreccio di chitarre acustiche su cui si adagiano timidi accenni di tastiera e la voce rauca di Hinds. Il lato vocale è a nostro giudizio l'aspetto più debole, poiché nel trio vocale dei Mastodon il più talentuoso ed espressivo è sempre stato Troy Sanders. Ma ciò non vuol dire che Hinds non sappia dare prova di adattamento e conferire caratterizzazione ai toni più cupi e dimessi.

L'ottima "North Side Star" colpisce dritta al centro l'ascoltatore fra armonizzazioni in salsa Rush e attacchi stoner-blues-rock degni dei Clutch, il tutto intinto in un substrato acustico da ballata psichedelica. Su queste ultime coordinate si posiziona anche la midtempo "Blue Walsh", che si sviluppa con tonalità molto catchy e bluesy, ma senza rinunciare a stratificazioni sonore e a tecnicismi che mettono in mostra l'abilità dei musicisti, e con una prova vocale di Dailor particolarmente espressiva. "Toe To Toe", invece, è più schitarrata ed energica, ricca di effettistica ma penalizzata da un lato canoro non particolarmente incisivo e da un missaggio che affoga un po' i riff.

Sono pur sempre brani "outtake", e complessivamente mancano quei guizzi estrosi che avevano fatto la fortuna dei primi Mastodon, così come non si raggiungono i vertici delle rifiniture negli arrangiamenti di "Once More 'round the Sun". Ma questo Ep lo promuoviamo, come antipasto in attesa di un futuro lavoro, che magari sappia venire incontro alla direzione semplificata di "Emperor Of Sand" senza risultare banale, o che recuperi i tratti più progressive senza sembrare eccessivo e ridondante.
Menzione speciale per i testi, molto espressivi ed emozionali, senza scadere nell'artificiosità.

(02/11/2017)



  • Tracklist
  1. North Side Star
  2. Blue Walsh
  3. Toe To Toes
  4. Cold Dark Place
Mastodon su OndaRock
Recensioni

MASTODON

Emperor Of Sand

(2017 - Reprise)
Ritorna una delle principali band metal del 2000, con un disco che cerca l'immediatezza

MASTODON

Once More ‘Round The Sun

(2014 - Reprise)
Il ritorno di una delle band più celebrate della scena heavy degli ultimi anni

MASTODON

The Hunter

(2011 - Reprise)
Senza sbavature ma anche senza momenti di rilievo, il disco più "diretto" della formazione ..

MASTODON

Crack The Skye

(2009 - Warner Bros)
La svolta verso un sound più equilibrato e "pulito" per la band americana

MASTODON

Blood Mountain

(2006 - Warner Bros.)

News
Mastodon on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.