Motorpsycho

The Tower

2017 (Stickman) | alt-rock

Uno dei tipici album doppi ai Motorpsycho, nello stile di “Demon Box” (1993), “Timothy’s Monster” (1994), “Trust Us” (1998), mancava da un pezzo (i due volumi di “Here Be Monsters” 2016, gli vanno comunque vicino), da quel “Black Hole/Black Canvas” (2006) che - assieme al decimo volume di “In The Fishtank” (2003) con i Jaga - ha iniziato a tirarli fuori dalle sabbie mobili del pop flower-power per dirigerli nuovamente verso il formato della jam rocciosa.

Così, la lunga durata di “The Tower” può almeno far partire il trio di Trondheim, forte del nuovo Tomas Jarmyr alla batteria, particolarmente virtuosistico, sotto i migliori auspici. La traccia eponima vanta una buona jam incendiaria, instabile, e qualche minuto di ammennicoli prog-folk. “Bartok Of The Universe” è un boogie piacione che mischia il basso della “One Of These Days” dei Pink Floyd con le schitarrate dei Wishbone Ash. “A.S.F.E.”, fin troppo oleografica e comunque mancante di una progressione vertiginosa e del canto spiritato (e dell’organo di Jon Lord), replica con genuinità le chitarre rombanti e il battito supersonico della “Highway Star” dei Deep Purple. La psichedelia soft di George Harrison, in “Intrepid Explorer”, diventa raga-rock possente (anche se, di nuovo, senza direzione e forse anche senza vera tensione).

Da qui in poi, il fuoco qua e là rimane - ma è più mestiere - le già poche idee s’impastano. Si arriva banalmente alla ballad con “In Every Dream Home” (quasi inutile la progressione jazz-rock centrale) e “A Pacific Sonata”, persino quindici minuti, praticamente una cantata pastorale alla CSN&Y allungata a otto minuti, più una progressione sincopata che poco vi collima, pur velenosa ma senza vera sostanza, fino a sprofondare nell’autoindulgenza con i quattordici minuti di “Ship Of Fools”.

Preceduto da un’altra delle loro manie, la colonna sonora immaginaria (“Begynnelser”, 2017, irrilevante ma quantomeno più sperimentale), il disco vorrebbe essere il loro più definitivo, tentacolare, completo; finisce per essere la solita macchinona del tempo, ornata e accessoriata, che porta indietro: sia nella loro storia, per l’ennesima copia di sé stessi, che in quella altrui, ancora una volta ad anelare alle esperienze totali tra i 60 e i 70. Fino a “It’s A Love Cult” (2002) ci si era stancati della regressione a forma-canzone, con questo ci si stanca anche del formato-cavalcata (le due brevi e acustiche “The Maypole” e “Stardust”, per quanto cosette, sono boccate d’ossigeno). Disco conservatore, di schemi ripetuti a iosa, buono per il fan sfegatato, sfiancante per gli amanti più tiepidi. 

(10/11/2017)

  • Tracklist
  1. The Tower
  2. Bartok Of The Universe
  3. A.S.F.E.
  4. Intrepid Explorer
  5. Stardust
  6. In Every Dream Home (There’s A Dream Of Something Else
  7. The Maypole
  8. A Pacific Sonata
  9. The Cuckoo
  10. Ship Of Fools
Motorpsycho su OndaRock
Recensioni

MOTORPSYCHO

Here Be Monsters

(2016 - Stickman)
Prosegue senza cedimenti l'enciclopedica saga psych-rock del trio norvegese

MOTORPSYCHO

Supersonic Scientists

(2015 - Stickman)
Doppia retrospettiva per festeggiare il traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Behind The Sun

(2014 - Stickman)
Ennesimo superbo lavoro per la band norvegese, al traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Still Life With Eggplant

(2013 - Stickman)
Il ritorno verso territori hard-psichedelici per la band-istituzione norvegese

MOTORPSYCHO

The Death Defying Unicorn

(2012 - Rune Grammofon)
Il trionfo symphonic-prog della storica formazione norvegese, tra fughe strumentali e radure chamber-jazz ..

MOTORPSYCHO

Heavy Metal Fruit

(2010 - Rune Grammofon)
La band norvegese ritorna con un disco ancora più "pesante"

MOTORPSYCHO

Child Of The Future

(2009 - Rune Grammofon)
Un lavoro pubblicato soltanto su vinile per festeggiare i vent'anni di attività della band ..

MOTORPSYCHO

Little Lucid Moments

(2008 - Rune Grammofon)
Torna il gruppo norvegese, tra psichedelia pesante e avventurose jam

MOTORPSYCHO

Black Hole / Blank Canvas

(2006 - Stickman)
La truppa motorpsichedelica si cimenta in un album doppio

MOTORPSYCHO

It's A Love Cult

(2002 - Stickman)

Motorpsycho on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.