Nicole Willis & UMO Jazz Orchestra

My Name Is Nicole Willis

2017 (Persephone / Herakles) | soul, funk

Va preso atto che nel flusso revivalistico del soul, e della black music in generale, il profilo artistico di Nicole Willis è alquanto peculiare, non fosse altro per l’aver sposato (anche umanamente) le raffinate e visionarie atmosfere retrò del finlandese Jimi Tenor, quest’ultimo autore di un ingegnoso jazz-soul orchestrale che non disdegna contaminazioni glam-funk o avantgarde (si pensi al progetto Imposter Orchestra).

Nonostante il cambio di guardia, che vede la band dei The Soul Investigators lasciare il campo alla Umo Jazz Orchestra, l’artista newyorkese, trasferitasi da anni a Helsinki, sembra aver sempre un passo avanti rispetto alle pur interessanti proposte in stile vintage della scuderia Daptones o Stones Throw.
Non si tratta solo di quel mood quasi noir che tratteggia alcune delle canzoni di questo nuovo album, né del pulsante ritmo funk che in più di un’occasione agita il poliedrico northern soul, ma della capacità quasi unica della Willis di far suonare tutto moderno e contemporaneo, con uno stile vocale che va ben oltre la nobile tradizione degli anni 60 e 70, a suo modo contaminato da quelle pulsioni pop-dance e white soul che l’artista ha incrociato nel suo lungo percorso artistico (Brand New Heavies, Dee-Lite, The The).

Con un repertorio che mette insieme inediti e canzoni già note, Nicole Willis riafferma il proprio ruolo di outsider, affidando alla voce di un’icona dell’hardcore punk (Ian Svenonius) i due brani che, con il loro soffuso incedere jazz-noir, incorniciano questa nuova proposta discografica (“Introducing”,” Final Call”). Rilevante e influente l’apporto della UMO Jazz Orchestra, ensemble attivo dal lontano 1975 e già partner di grossi musicisti come John Scofield, Dexter Gordon, Dizzy Gillespie, Gil Evans, McCoy Tyner e Michael Brecker.
Gli arrangiamenti sono di elevata caratura con energiche soluzioni funky-soul a base di fiati e chitarre elettriche (“Break Free (Shake A Tailfeather)”, “(Everybody) Do The Watusi”), elaborate soluzioni jazz-soul per delle malsane e istrioniche ballate (“No Child Denied”, “When We Go Down”), ipnotici e cadenzati suoni di fiati e ottoni per uno slow-funk alla James Bond (“Haunted By The Devil”) e deliziosi groove privi di una dimensione temporale ben definita (“Together We Climb”, “Togetherness”).

“My Name Is Nicole Willis” è in definitiva un album che si fa apprezzare non solo per la consueta e prevedibile classe della cantante americana, ma soprattutto per quel delizioso equilibrio tra grazia e disimpegno che dà vita a sinuosi e sensuali funky-soul, come la già nota “One In A Million”, o la magnetica bonus track “Still Got A Way To Fall”.
Dietro le molte anime di questo nuovo album di Nicole Willis c’è altresì un potenziale ancora inespresso, ed è a questo punto lecito chiedersi se nel futuro dell’artista ci sarà spazio anche per soluzioni più ardite e coraggiose, giusto per evitare di ricadere nel cliché revivalistico, che potrebbe alla lunga far ripiombare il suo nome in un immeritato oblio.

(09/01/2018)



  • Tracklist
  1. Introducing
  2. Break Free (Shake A Tailfeather)
  3. Haunted By The Devil
  4. One In A Million
  5. (Everybody) Do The Watusi
  6. No Child Denied 
  7. Together We Climb 
  8. When We Go Down
  9. Togetherness
  10. Final Call
  11. Still Got A Way To Fall (Bonus Track)




Nicole Willis & The Soul Investigators su OndaRock
Recensioni

NICOLE WILLIS & THE SOUL INVESTIGATORS

Happiness In Every Style

(2015 - Timmion Records)
Una marcia in più nel nuovo album della "riscoperta" cantante

NICOLE WILLIS AND THE SOUL INVESTIGATORS

Tortured Soul

(2013 - Timmion Records)
Al secondo progetto con la band funky-soul finnica la cantante americana si sposta verso la disco e il ..

Nicole Willis & UMO Jazz Orchestra on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.