Oliver Cherer

The Myth Of Violet Meek

2017 (Wayside & Woodland) | chamber-folk, psych-folk

Un po' dramma elisabettiano in maschera, un po' gioco di specchi psichedelico, un po' storia di fantasmi "sociali" (superficialmente assimilabile a "The Village" di Shyalaman per temi trattati), "The Myth Of Violet Meek" di Oliver Cherer, alla seconda opera solista, è un'opera immersiva, di estremo rigore storiografico (in senso stretto e musicale) da un lato, e di totale suggestione artistica (come tutte le uscite Wayside & Woodland, del resto) dall'altro.
Violet Meek ("umile", "mansueta") forse è stata uccisa da un orso, nel bosco, ma ancora prima dalle dicerie: nessuno la conosce direttamente, ma tutti dicono che sia una "poco di buono", una strega, che si aggiri nuda di notte per il villaggio: è "Poor Violet" a introdurre il personaggio, con la sua melodia alla Fairport Convention e la sua epica elegia in quattro quarti.

Qualcosa della scrittura del disco ha dell'archetipico ("Oh My Darling Boy" e "Delicate Blooms" prende in prestito dalla tradizione folk), di melodie funzionali a una narrazione ("Bear With Two Backs", flebile lamento folk), in un parallelo transoceanico, in questo senso, con "Hadestown" di Anais Mitchell, tutto sommato simile come temi e atmosfere.
Si avvicendano la ballatona Cave-iana "Violet Says", la melodia minuta, Cohen-iana di "Valentine", i Beatles narcolettici di "Trees", lo slow-folk minaccioso, Talbot-iano di "Slag": a tenere tutto insieme, l'acuta sensibilità artistica del menestrello Cherer, i suoi arrangiamenti lievi, dissonanti, le sue interpretazioni misurate ma colorite.

È proprio questa sensibilità a mettere in secondo piano, almeno parzialmente, la canonicità dei brani, certamente da apprezzare come non mai come "opera in musica", più che come album in senso stretto. Anche in questo rimane fedele al suo carattere di musica d'altri tempi, come strumento narrativo, quasi mnemonico e impressionista. Ma rimane comunque un'idea di musica "collaterale" che non potrà piacere a tutti.

(13/10/2017)



  • Tracklist
  1. Who Killed The Bears?
  2. Delicate Blooms
  3. Poor Violet
  4. O My Darling Boy
  5. Lament For A Girl And Two Bears
  6. Violet Says...
  7. Ruined
  8. Valentine
  9. Unspoken
  10. A Bear With Two Backs
  11. Slag
  12. Trees
  13. Violet And Her Sisters
Oliver Cherer su OndaRock
Recensioni

OLIVER CHERER

Sir Ollife Leigh And Other Ghosts

(2014 - Second Language)
Magico e introspettivo album di folk esoterico per l'ex-Dollboy

Oliver Cherer on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.