SassyBlack

New Black Swing

2017 (autoprodotto) | psych-alt-r&b

L'avevamo lasciata appena un anno fa impegnata nella ricerca di un/a partner ideale - il disco era "No More Weak Dates" e il buffo video di "New Boo" illustrava al meglio gli intenti dell'autrice. Evidentemente qualcosa di positivo da tutto quel giochicchiare deve essere uscito davvero, perché oggi la voce di Cath Harris-White aka SassyBlack ha indubbiamente acquistato di una nuova, vellutata sensualità. Se infatti il precedente album - che rappresentava un debutto ufficiale in formato Lp dopo l'esperienza THEESatisfaction - rimaneva nonostante tutto ancorato ai soliti tratti tipici, "New Black Swing" affonda il coltello nel burro fuso di un alt-r&b dai tratti future frullati e rimontati con spirito modernista.

Certamente per SassyBlack tutto questo non è una grandissima rivoluzione; inciso nella tranquillità del suo salottino di casa, "New Black Swing" è un disco che gioca ancora una volta con tastiere e computer, creando basi morbidissime dalle atmosfere sfumate, sulle quali lei tesse la propria voce in quel tipico formato-cantilena che si colloca a metà strada tra il soul e l'hip-hop. I testi sono colloquiali e vengono montati in una sorta di diario che analizza le più piccole sfumature del cuore e del desiderio carnale. Ma a questo giro il tutto assume tonalità calde e velatamente piccanti, risultando in un disco d'atmosfera che, se suonato nel giusto momento, riesce a inebriare i sensi.

Le tiepide ventate tropicali di "Games" funzionano proprio in virtù di quel loro essere impalpabilmente lo-fi, e lo stesso discorso si può fare per "Passion Paradise", il pezzo più suggestivo del lotto, che scorre etereo come un bozzetto neo-soul con intarsi etnici, mentre SassyBlack sussurra a voce bassissima quasi si trattasse di un incontro notturno.
Ma non è solo struscio tra le lenzuola; la più spedita base di "Satisfied" richiama molto le atmosfere del vero e proprio new jack swing di fine anni 80 con tanto di spiritosi mini-sample, ma anche "Wild" e la più arrapata "Watching You" traballano sui solitari fili melodici di uno scheletrico hip-hop. Sul finale, "Glitches" e "Worthy" cullano e divertono attraverso afro-centrismi pop, dando modo a SassyBlack di tirare fuori la sua vocalità più urbana e stradaiola.

Impossibile non pensare ancora una volta al lavoro con le THEESatisfaction, al vecchio sodalizio con gli Shabazz Palaces e alle opportunità ricevute ai tempi tramite il supporto di una label importante come la Sub Pop. Innegabilmente l'assenza di tutto questo in qualche modo arriva a pesare sul prodotto finale (non ultimo l'orrido lavoro grafico di copertina), SassyBlack si muove ormai in una dimensione a dir poco casalinga e per andare in tour ha bisogno di una campagna Kickstarter (l'ex-collega Stasia Irons invece ha del tutto abbandonato il lato compositivo, oggi fa la speaker per una nota radio di Seattle). Ma nel suo piccolissimo, SassyBlack è un'autrice pur sempre viva e vegeta, apertamente queer nonostante gli ostacoli che questo comporta nel mondo dell'r&b, tenacemente indipendente e forte di uno stile ormai collaudato, tutte caratteristiche che la riconfermano un nome immediatamente riconoscibile nel panorama odierno.

(30/07/2017)



  • Tracklist
  1. Games
  2. Passion Paradise
  3. Satisfied
  4. I'll Wait For You
  5. Wild
  6. What We Gonna Do
  7. Watching You
  8. Glitches
  9. Worthy
SassyBlack on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.