Shannon Lay

Living Water

2017 (Woodsist / Mare) | folk, songwriter

Strana firma per l'imprint Morby-iana della Woodsist, la Mare Records, che scrittura appunto il folk acustico della cantautrice Shannon Lay, grazie alla personale folgorazione di Kevin, appunto. Bisogna dire subito che l'estrazione losangelina di Shannon è forse sufficiente a spiegare l'autenticità del misticismo che permea il disco, che nel suo marchio "Laurel Canyon IGP" trova il proprio senso principale.

Anche se l'espressività e la scrittura della Lay si fanno a volte elementari ("Recording 15"), rimane infatti qualcosa nella semplice esecuzione, nel semplice atto, nella semplice intenzione di suonare e cantare queste canzoni che rende "Living Water" più valido e vero di quello che sembra, scevro delle affettazioni di una Marling.
In questa sua elementarità "atomica", inscindibile, trova la sua dignità, ma non un'eccellenza: "Living Water" è un disco generoso, con le sue quattordici tracce che attraversano un po' tutte le sfumature del cuore (dal soave duetto tradizionalista col contrabbasso di "The Moons Detriment" all'inquisitoria malinconia di "Orange Tree"), ma non molto appagante, perché non in grado di fornire spunti melodici davvero unici, un'identità di scrittura, insomma.

"Living Water" scorre comunque grazie alla naturalezza, a una decisa purezza espressiva di Shannon ("Always Room"), un'integrità forse non sufficiente a rendere il disco indimenticabile, ma certamente prezioso.

(10/10/2017)



  • Tracklist
  1. Home
  2. Living Water
  3. Orange Tree
  4. Caterpillar
  5. Always Room
  6. Dog Fiddle
  7. The Search For Gold
  8. The Moons Detriment
  9. Recording 15
  10. Give it up
  11. Asa
  12. Come Together
  13. Coast
  14. Sis
Shannon Lay on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.