Shins

Heartworms

2017 (Columbia) | alt-pop, power-pop

Le canzoni di James Mercer, nonostante lo stile sempre piuttosto disimpegnato, con un'estetica "indie" in definitiva poco personale, hanno da sempre un'impronta idiosincratica; ogni cambio melodico sembra sempre più o meno leggermente fuori asse, e già a livello inconscio ti sembra come se qualcuno ti avesse pizzicato in un punto insensibile, che qualcosa non vada senza sapere cosa, insomma.
Tutte queste caratteristiche sembrano sclerotizzate e amplificate fino al parossismo in "Heartworms", ritorno della band dopo il già "mezzo trionfo" (come forse si può dire per tutti i dischi della band) di "Port Of Morrow", una delle "mezze reunion" più celebrate degli ultimi anni.

Gli Shins si confermano comunque solo una delle espressioni artistiche di Mercer, e forse non più la principale, dato che sono passati altri cinque anni, e un altro disco a nome Broken Bells, anche questo accolto piuttosto tiepidamente. "Heartworms" è un rapace rovistatore musicale, pieno di suggestioni di diverso genere, in cui spesso sono il "vorrei ma non posso", il collage finto-pop fin troppo cosciente di sé, i leit-motiv imperanti.
Così suona la West Coast annacquata e sintetica di "So Now What", il folk-rock soft di "Rubber Ballz", pieno di spunti melodici che sembrano quasi campionati nella loro successione schizofrenica. Tutta l'epopea di revival seventies (e oltre) del disco, rivista a valle del power-pop anni Novanta, sembra, invece di accordarsi alla fisiologia dell'ascoltatore, respingerla e irriderla.

Più che un viaggio nella personalità comunque particolare di un autore pop, "Heartworms" si avvicina pericolosamente a un'escursione nella bruttezza (la goffa wave di "Painting A Hole", il power-pop in saliscendi da conati di “Half A Million”, il funk alla George Michael di "Cherry Hearts"), in un disco che rende la melodia un oggetto da schernire, una specie di adultera e fedifraga della vera Arte da lapidare sulla strada maestra, in processione. Un disco che rende benissimo la sensazione di assistere a qualcosa di intrinsecamente (e forse volutamente) brutto, ma in qualche modo "giusto" e, come dire, al proprio livello...

(10/03/2017)



  • Tracklist
  1. Name For You
  2. Painting A Hole
  3. Cherry Hearts
  4. Fantasy Island
  5. Mildenhall
  6. Rubber Ballz
  7. Half A Million
  8. Dead Alive
  9. Heartworms
  10. So Now What
  11. The Fear


Shins su OndaRock
Recensioni

SHINS

Port Of Morrow

(2012 - Aural Apothecary / Columbia)
La band di James Mercer alla conquista del mondo

SHINS

Wincing The Night Away

(2007 - Sub Pop)
L'atteso ritorno dei nuovi eroi del college-rock

SHINS

Chutes Too Narrow

(2003 - Sub Pop)

News
Shins on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.