Slow Meadow

Costero

2017 (Hammock Music) | ambient, modern classical

Torna Matt Kidd sotto il moniker di Slow Meadow con il quale, due anni fa, ci aveva regalato uno dei migliori album ambient del 2015. “Costero” prosegue nelle stesse atmosfere pastorali a cominciare dall’estatico opening di “Ships Along The Harbor”.
Rispetto al precedente lavoro si trova qui un maggior rispetto della semantica contemporanea: laddove nell’eponimo esordio si avvertivano perfino profumi di certi Popol Vuh, ora questi lasciano il posto a suggestioni più neoclassiche e decadenti, suggerendo paragoni con i migliori lavori di Max Richter, Dustin O’Halloran o Nils Frahm, la cui influenza è quantomai evidente sebbene, più che una reale ispirazione si tratti di un riuscito abbandono linguistico.

In “Borderland Sorrows” troviamo pathos che ricordano i momenti più melanconici di Simon Jeffes e dei suoi orchestrali pinguini, suggerendo con plastica grazia momenti introspettivi.
Loop e noise introducono la spettrale “Cielo Rojo”, dove la viola di Yvonne Smith tesse diafani arabeschi sulle armonie di un pianoforte delicatamente suonato da Kidd sospendendo e rubando il tempo; accennando melodie inafferrabili, come pensieri di memorie sepolte. Ancora il pianoforte a farla da padrone in “Brazos Fantasmas”, tra le tracce più riuscite di questo album seducente.

Se una esortazione dobbiamo rivolgere a Matt, è quella di osare di più in futuro: spingersi un po’ oltre - come applicato in “Viejo Carruse” o nel cupo incipit “Lamellophone And The Gulf Of Mexico”, soundscape dominata da synth minacciosi come un uggioso cielo plumbeo autunnale, poi lasciata allo svolgimento di un elegiaco gioco tra pianoforte e violino - perché il confine tra un’opera decadente ed estetizzante, ma ben riuscita, come la presente e una new age asinina è di carta velina.

(06/01/2018)

  • Tracklist
1. Ships Along The Harbor
2. Boy In A Water Globe
3. Borderland Sorrows
4. Cielo Rojo
5. Brazos Fantasmas
6. Viejo Carrusel
7. Lamellophone and the Gulf of Mexico
8. Quintana
9. Hurricane
10. Palo Volador
Slow Meadow su OndaRock
Recensioni

SLOW MEADOW

Slow Meadow

(2015 - Hammock Music)
Un nuovo progetto ambient esalta la grandezza dei momenti modesti

Slow Meadow on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.