Trevor Sensor

Andy Warhol's Dream

2017 (Jagjaguwar) | folk-pop

Era rimasto sepolto tra gli ascolti estivi l’esordio di Trevor Sensor (seguito di due Ep pubblicati nel 2016), ultima creatura affidata alle cure produttive di Jonathan Rado e Richard Swift. Scoperto dal chitarrista dei Killers, Dave Keuning, in un anonimo bar di un paesino dello stato dell’Iowa, il giovane musicista non ha dalla sua una bella presenza, e il timbro vocale aspro e nasale non è un buon biglietto da visita, ma già dalle prime note di “High Beams” appare ben chiaro che le qualità sono racchiuse nella scrittura.

Il mood è tipicamente vintage (nella band figurano membri dei Whitney), con sonorità anni 60 e 70 funzionali a un repertorio indie-folk esuberante, caratterizzato dalla voce emula del giovane Bob Dylan e di tutti i suoi discepoli, soprattutto di coloro che hanno preferito il brivido rock al tono mesto del cantautorato. “Andy Warhol’s Dream” è un concept-album sulla profezia dell’artista americano, i "15 minuti di fama" sono l’argomento principale, ed è quindi naturale che ognuna delle undici tracce aspiri a un briciolo di visibilità, gli arrangiamenti non sono però ruffiani o forzosamente piacevoli, quanto piuttosto inebrianti e appassionanti come quelli di un vecchio disco rock’n’roll.
Alla maniera di Nick Lowe, Trevor Sensor mette insieme undici esemplari di "Pure Pop For Now People", tra sinistri riff di piano alla Lou Reed (la title track), citazioni country-western (“The Reaper Man”), intelligenti gospel-folk (“Lion’s Pride”) e ballate più tipicamente dylaniane (“Starborne Eyes”, “On Your Side”) che preservano una loro peculiarità.

“Andy Warhol’s Dream” resta comunque un progetto simbolico sul valore del successo, quel successo che l’autore dimostra essere alla sua portata, quando scende in campo con lo zuccheroso pop’n’roll al mellotron di “In Hollywood, Everyone Is Plastic” o con la più robusta “Sedwick”. La scelta poi di associare al testo di “The Money Gets Bigger” la melodia più banale e inutile del lotto è un altro segnale della lucidità creativa di Trevor Sensor - dietro l’apparente vacuità e leggerezza di queste undici canzoni si nasconde infatti una visione quasi filosofica sullo scopo finale dell’arte.
Imprimere nella memoria un messaggio o un concetto è, per l’autore, il fine ultimo della musica, a tal scopo il linguaggio deve essere semplice e diretto, ovvero comprensibile, ed è quello che in parte avviene in questa interessante opera prima.

(21/02/2018)



  • Tracklist
  1. High Beams
  2. Lion's Pride
  3. On Your Side
  4. The Reaper Man
  5. Stolen Boots
  6. Andy Warhol's Dream
  7. It Wasn't Good Enough
  8. Sedgwick
  9. In Hollywood, Everyone Is Plastic
  10. The Money Gets Bigger
  11. Starborne Eyes




Trevor Sensor on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.