Uochi Toki + Cadaver Eyes

Necroeterno

2017 (Subsound) | experimental hip-hop, sludge/doom metal

"Per adesso cartoni", rispose Napo circa un anno fa alla mia domanda sui successivi step dell'ormai quindicennale progetto Uochi Toki, che se già agli inizi poteva apparire alieno all'universo rap, oggi si fa apertamente gioco di tutto ciò che il pubblico o (quel che resta de) l'industria discografica possono lecitamente aspettarsi da un'entità musicale così singolare. È finita (forse) con il formato cd, ma (forse) anche con il "pubblico" comunemente inteso - di certo molti fan si sono già fatti da parte, al complicarsi dell'affaire espressivo. Ora più che mai, la regola è che non ci sono regole, si fanno le cose come quando e con chi si vuole, compresi i videogiochi/fumetti/cartoon.

Dalla parola al fonema, dal tema generale al leit-motiv, dall'elemento ricorrente all'ossessione: una partita al rilancio che dagli ultimi minuti di "Idioti" in poi ha inseguito a ritmo forse-nnato due piste concettuali: quella del limen, ossia individuare un confine - sia esso formale, linguistico o intellettuale - e superarlo, "noncuranti della fine"; e quello dell'alterità, il diverso ma anche un più problematico non-io, un essere-altro che si fa prossimo al misticismo. Una volta trovata la via d'uscita occorre cercare un modo per rientrare, oppure rimanere fermi, silenti, sino a nullificarsi.

Più che un anti-eroe, Necroeterno è dunque un anti-personaggio, l'illusione incarnata di un perpetuo congelamento ideologico: uno still life che guarda compiaciuto all'ambìto raggiungimento di un "essere" eterno, e in quanto tale necessariamente immutabile. Per questo le undici funeree avanzate doom con il duo israeliano Cadaver Eyes (registrate in presa diretta dopo una giornata d'improvvisazioni) vengono al contrario definite concettualmente come "immobilità".
(...) ed io sono lì convinto, ho vinto e festeggio solo l'arrivo alla supremazia in cui non si inventa più nulla, perché più nessuna novità, più nessuna alterità nella nube purpurea, pur, pur essendo vivo per sempre secondo il rito asperometrico che ho coniato con lo iato dell'uomo da me, indissolubile, persempristico, negazione di ogni cambiamento, sono il laboratorio organico del vuoto perpetuo, il cambiamento è un falso e l'Eterno è l'unico Vero.
Appare a tutti gli effetti come un surrogato della morte, in quanto ciò che è vivo dovrebbe prima evolvere e lentamente decadere, e il verme viene a ricordarcelo, "striscia da uno spazio con pochi 'forse' a un'area sacra dove non ce ne sono più, 'forse'."
A questo punto qualcosa fa breccia: un odore, concreto o immaginario che sia, una frattura che si spalanca in tutta la sua fatalità nella sesta traccia, tra grida sconnesse e distorsioni ovattate. Nel Necroeterno comincia a farsi strada il dubbio, stroncato sul nascere dalla propria auto-persuasione di esule dal reale:
Come fa un odore ad inventarmisi nella mia eternità? Forse capendo che odore mi immagino posso tornare al mio non-scopro, non-indagino (...) Quanto sono acuto, quanto sono furbo, mi disturbo da solo per allenarmi a non distrarmi.
"E invece il verme c'era/ Il Necroeterno rifiuta le idee come una statua di cera/ Ferma in una zona abbastanza fresca": tutto qui. Se c'era una morale in questa oscura favoletta esopica, non sarà certo Napo a spiegarvela. Perlomeno, a mo' di cortesia, vi è stato ripetuto un gran numero di volte il singolo avverbio che con formidabile sintesi racchiude tutta la problematicità dell'esperienza sensibile e del suo ineffabile opposto: forse.

L'avanzamento costante e infinito non è altro che un folle sogno, ma altrettanto utopica è la stasi, poiché nessun gesto o pensiero sa né può rivolgersi soltanto a se stesso. Ad alcuni la missione esplorativa dei Uochi Toki potrà sembrare costretta in un impasse: secondo altri l'impasse è disciplina e metodo per guardarsi dentro e ri-crearsi, scavare a fondo in un pantano disagevole finché non ne esca la prova definitiva della sconfitta.

(14/03/2017)

  • Tracklist
  1. Prima Immobilità
  2. Seconda Immobilità
  3. Terza Immobilità
  4. Quarta Immobilità
  5. Quinta Immobilità
  6. Sesta Immobilità
  7. Settima Immobilità
  8. Ottava Immobilità
  9. Nona Immobilità
  10. Decima Immobilità
  11. Undicesima Immobilità
Uochi Toki su OndaRock
Recensioni

UOCHI TOKI

Il limite valicabile

(2015 - La Tempesta)
Tradizione rap e distopia in un album dualista

UOCHI TOKI + NADJA

Cystema Solari

(2014 - Corpoc)
Il diario di bordo immaginario del primo viaggio verso il Sole

UOCHI TOKI

Macchina da guerra

(2013 - autoprodotto)
La guerra lampo dei fratelli Fiscerprais

UOCHI TOKI

Idioti

(2012 - La Tempesta)
I cani sciolti dell'hip-hop italico tornano col loro disco pił indecifrabile

UOCHI TOKI

Cuore Amore Errore Disintegrazione

(2010 - La Tempesta)
Rico e Napo in un'ambigua immedesimazione nei protagonisti delle relazioni odierne

UOCHI TOKI

Libro audio

(2009 - La Tempesta)
Praticamente un concept album, per il duo rap di Alessandria

Uochi Toki + Cadaver Eyes on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.