Voight-Kampff

The Din Of Dying Youth

2017 (Deranged) | post-punk, deathrock

I Voight-Kampff vengono da Saint Louis, Missouri, ma vengono anche - come si suol dire - dal punk. Nel senso che il loro retroterra è, come per molti gruppi della Deranged Records, quello della scena do-it-yourself; in questo caso i due hanno militato in svariate band hardcore (Formaldehyde Junkies, The Breaks...).
Inizialmente denominati Run Down, cambiano nome nell'attuale dopo la pubblicazione del 45 giri "American Despair" (2012), a cui seguono l'anno successivo il full-length d'esordio omonimo e un paio di singoli.

A inizio luglio è uscito il follow-up, "The Din Of Dying Youth"; l'album parte in quarta con "Victim Of Desire", un pezzo che lascia trapelare tutto il loro background; i nostri non si limitano però a pigiare il piede sull'acceleratore e inseriscono alcuni passaggi più lenti, come "Never Well Again", brano dal sound prettamente gothic-rock.
Il cantato è profondo, reminiscente - ma mai troppo - del timbro di Ian Curtis, mentre le trame della chitarra, complice la provenienza Usa, hanno tratti marcatamente death-rock.
La riuscita miscela tra goth viscerale e post-punk meccanico viene esaltata dal contrasto fra i toni caldi delle vocals e la precisione chirurgica della sezione ritmica ("I Believe In Love", "Bleach In The Sun").

"The Din..." dura poco più di venti minuti, sufficienti però per rivelarsi una bella sorpresa per gothic-rocker a digiuno di novità e per amanti del punk in cerca di atmosfere oscure.

(24/07/2017)



  • Tracklist
  1. Victim of Desire 
  2. Never Well Again 
  3. Sowing the Seeds of Hate 
  4. I Believe in Love 
  5. Bleach in the Sun 
  6. Hear A Pisces Drowning
Voight-Kampff on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.