William Patrick Corgan

Ogilala

2017 (Martha's Music) | songwriter

Indiscusso leader dei redivivi Smashing Pumpkins, Billy Corgan (qui riscopertosi col nome completo, William Patrick) aggiunge ancora un altro tassello ai suoi non esattamente esaltanti progetti solisti - ricordiamo anche l’infausto supergruppo degli Zwan - tramite il suo secondo “Ogilala”.

Dominano da principio a chiusa appassite, caduche ballate acustiche cariche di assortiti rimpianti di mezz’età. La sua voce stridula, talvolta involontariamente comica sul falsetto o modulata vistosamente col vibrato, mal si accorda al contesto delle più classiche note ribattute di pianoforte alla “Imagine” di John Lennon (“Zowie”, “Mandarynne”, “Aeronaut”), o persino fatica ad arrivare alla giusta tonalità in semplici refrain che fanno il verso ai Coldplay (“The Long Goodbye”, “Half-Life Of An Autodidact”).

Gli si addita maggiore sincerità (in parte è vero per “Amarinthe”) rispetto al predecessore “The Future Embrace” (2005), ma si scorge solo un patetico riciclarsi come un improbabile Elton John per i nostalgici degli anni ruggenti dell’alternative anni 90. “Take Me As I Am…” canta in “The Spaniards”. Non è cosa semplice: la produzione di Rick Rubin (uno sciacquio svenevole di tastiere e violini) fa di tutto per renderlo ciò che non è mai stato. Oppure è proprio questa senilità la sua vera anima? Cameo del chitarrista storico dei Pumpkins, James Iha (praticamente tutta sua la meno peggio, “Processional”).

(20/11/2017)

  • Tracklist
  1. Zowie
  2. Processional
  3. The Spaniards
  4. Aeronaut
  5. The Long Goodbye
  6. Half-Life Of An Autodidact
  7. Amarinthe
  8. Antietam
  9. Mandarynne
  10. Shiloh
  11. Archer
Billy Corgan su OndaRock
Recensioni
William Patrick Corgan on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.