Xiu Xiu

Forget

2017 (Polyvinyl Record Company) | alt-pop

Dopo un 2016 all'insegna di David Lynch, con una delle loro tipiche raccolte-tributo, "Plays The Music Of Twin Peaks" (successore di "Unclouded Sky", 2014, per il trad-folk, "Nina", 2013, per Nina Simone, e l'Ep "Tu mi piaci" 2006), la collaborazione con Lawrence English per il progetto HEXA, ma anche tanti altri progetti estemporanei, Jamie Stewart e i suoi Xiu Xiu si rimettono in marcia per dare un seguito all'incompreso incubo di "Angel Guts" (2014).

In "Forget" siamo però di nuovo al parossismo del pop elettronico di "Always" (2012) e "Dear God" (2010): pastrocchi come il ricordo della disco di "Saturday Night Fever" in "Wondering", la cartoonesca e delirante "The Call", gli otto minuti di "Faith, Torn Apart", un pow-wow senza spinta che si chiude con tre interminabili minuti di parlato del solo Stewart, sono segno di caduco rimbambimento. Anche la debolissima melodia di "Queen Of The Losers" sembra affossare la pulsazione immersa in una soundscape gotica, lontano spunto della sua perduta arte.
Tocca al suo canto ricordare le sue radici new wave, dai Talking Heads etnici ("Jenny GoGo") agli psicodrammi di David Thomas ("Forget"). Numeri al minimo sindacale di musicalità sono appena un paio, "Hay Choco Bananas", realmente spettrale, cantato col suo verace registro impaurito, e la lenta salsa caraibica di "Get Up", una lamentazione esistenziale che s'impenna in un acuto collettivo.

Spalleggiato dalle ormai stabili Angela Seo e Shayna Dunkelman, aiutato dai Father Murphy, Vaginal Davis, Greg Saunier, e altri, persino Charlemagne Palestine. Visto questo popo' di reggimento, è ancor più difficile perdonargli l'infelice amalgama di moda e psicologia. Un fallimento a più livelli imputabile in primis al leader che vampirizza l'ascolto senza esserne il motore, come fa invece Nicolas Jaar in "Sirens" (2016), ma anche alla mediocrità della produzione senza pepe di John Cogleton: le laceranti sperimentazioni degli esordi si sono appassite a sciocchi peccatucci di stravaganza.

(02/03/2017)

  • Tracklist
  1. The Call
  2. Queen Of The Losers
  3. Wondering
  4. Get Up
  5. Hay Choco Bananas
  6. Jenny GoGo
  7. At Last, At Last
  8. Forget
  9. Petite
  10. Faith, Torn Apart
Xiu Xiu su OndaRock
Recensioni

XIU XIU

Plays The Music Of Twin Peaks

(2016 - Polyvinyl Records, Bella Union)
La straniante rilettura della colonna sonora di Twin Peaks ad opera di Jamie Stewart & C.

XIU XIU

Angel Guts: Red Classroom

(2014 - Polyvinil / Bella Union)
Il nono album di Stewart, ispirato a un film erotico giapponese

XIU XIU

Always

(2012 - Bella Union)
Jamie Stewart e la sua gerarchica band, in un nuovo corso di revival sofisticato e tecnologico

XIU XIU

Dear God, I Hate Myself

(2010 - Kill Rock Stars)
Il nuovo album di Stewart & C., un po' meno art- e molto più pop

XIU XIU

Women As Lovers

(2008 - Kill Rock Stars)
Solitamente disturbante, ma con sfumature soul: sesto album per Jamie Stewart

XIU XIU

The Air Force

(2006 - 5 Rue Christine)

XIU XIU

La Foret

(2005 - Aquarela)

XIU XIU

Life And Live

(2005 - Xeng)

XIU XIU

Fabulous Muscles

(2004 - 5Rue Christine)

XIU XIU

A Promise

(2003 - 5 Rue Christine)

XIU XIU

Knife Play

(2002 - Absolutely Kosher)

Xiu Xiu on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.