Alessandra Celletti

Sacred Honey

2018 (Bleriot) | neo-classical

Spesso ci si chiede come la musica riesca a ottenere la chiave d’accesso alla nostra intimità, come sia possibile che un suono o una melodia possano sfuggire alla rigida logica dell’effetto meccanico prodotto dalle mani sullo strumento, tanto da lasciarci nudi di fronte a delle semplici sequenze di note o parole. E' in quei rari attimi di sublimazione sonora che si svela la ragion d’essere dell’arte. Molti musicisti sono così affascinati da questa arcaica alchimia da dedicare tutta la loro vita allo studio e alla comprensione di magnificenze sonore senza tempo.

La pianista Alessandra Celletti non si è mai risparmiata dall’esplorare le infinite possibilità del suono, da Scott Joplin a Philip Glass, da Hans Joachim Roedelius a Claudio Rocchi, dalla musica sacra a quella on the road, nulla è stato trascurato dall’artista romana. Erik Satie resta il primo grande amore, in virtù di quella capacità di proiettare il suono al di là della fisicità dello strumento, una prospettiva artistica che Alessandra Celletti coltiva interagendo con altre forme d’arte come la pittura, la computer-graphic, la pop art, i fumetti, creando raffinate assonanze tra musica e immagini.

“Sacred Honey” è il ventesimo album della pianista, il secondo dedicato al mistico armeno Georges Ivanovič Gurdjieff e al compositore russo Thomas De Hartmann (il primo “Hidden Sources” è datato 1998). Le atmosfere misteriose, magiche, anzi esoteriche di Gurdjieff e Hartmann questa volta vengono leggermente filtrate da una strumentazione meno spartana: strumenti elettronici, harmonium, contrabbasso, kaval ed eufonio aggiungono nuove tonalità e riflessi, modellando le note cosi come un caleidoscopio modella le infinite variabili del colore e della luce.

Alessandra Celletti padroneggia le note con una personalità e un tocco sapiente e incantevole, lo stile è flessuoso, ricco di mezzi toni e sfumature di grigio, un’attitudine artistica capace di appassionare sia il cultore della classica che l’appassionato di musica jazz, nonché d’incuriosire il pubblico rock.
“Sacred Honey” è l’ennesima conferma del talento della pianista romana, un’artista che del minimalismo e della magia della musica sacra ha fatto il suo habitat creativo, e in questo antro a volte angusto, spesso frainteso, riesce a cogliere più di una volta quella spiritualità  che differenzia l’arte dal pur dignitoso mestiere.

(29/11/2018)



  • Tracklist
  1. Meditation
  2. The Waltz
  3. Canon Of Seven
  4. The Spinners
  5. Sacred
  6. Chant Of A Holy Book
  7. The Sacred Goose
  8. Sayyid Chant And Dance (30.III.1926)
  9. Song Of The Aïsors
  10. The Struggle Of The Magicians: Fragment No. 6 (Tibetan Dance)
  11. The First Dervish Prayer (Camel's Step)
  12. Hindu Melody
  13. Assyrian Women Mourners
  14. Song Of The Fisherwomen
  15. Easter Hymn And Night Procession
  16. Sayyid Dance (Dedicated To Mr. Gurdjieff's Wife)


Alessandra Celletti su OndaRock
Recensioni

ALESSANDRA CELLETTI

Way Out

(2008 - Ltm/ Goodfellas)
La compositrice romana in dieci piece per piano, voce e batteria

ALESSANDRA CELLETTI

Esoterik Satie

(2008 - Kha/ Sound And Music)
La pianista romana rivive in chiave "esoterica" le piece di Satie

ALESSANDRA CELLETTI

The Golden Fly

(2007 - Kha Records)
Le magiche sonate della giovane pianista romana

Alessandra Celletti on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.