Alice In Chains

Rainier Fog

2018 (BMG) | grunge, hard rock

Ritornelli epici, raddoppio delle voci, riff granitici, aperture melodiche, assoli assassini, gli ingredienti sono sempre i medesimi: qualcuno oggi ha ancora bisogno della scolorita imitazione di quella che fu una delle band-cardine dell’epopea grunge? Esaurita la spinta propulsiva di un ritorno atteso per 14 anni, la seconda vita degli Alice In Chains - giunta con “Rainier Fog” al terzo atto - regala tanto mestiere ed emozioni col contagocce.

Scontati e a tratti dozzinali, i “nuovi” Alice In Chains puntano tutto su un hard-rock trasmutato in American rock da FM, di buona fattura ma a tratti plasticoso (“Fly”, “Never Fade”), alla ricerca di quel passaggio radiofonico che rischia però di trasformarli più nei nuovi Boston che non in una ricontestualizzazione degli eroi di “Would?”. Poi, certo, a tratti si sobbalza sulla sedia per l’impressionante somiglianza – ma non è neanche più una novità ormai - fra la voce di Robert DuVall e quella di Layne Staley, specie nelle linee del cantato che rendono “Deaf Ears Blind Eyes” e “So Far Under” i brani più prossimi al sound (e alla vocalità) dei tempi d’oro.

Jerry Cantrell continua a essere il principale songwriter di una band che ha venduto oltre 35 milioni di copie, ma stavolta per chi ha amato “Dirt” e “Facelift” i motivi di reale interesse saranno meno del solito: molta energia ma troppo materiale sostanzialmente innocuo. Le struggenti ballad “Maybe” e “All I Am” vorrebbero sopire vecchi languori, ma sono la copia carbone di idee già riproposte più volte.
E’ una storia un po’ sbiadita, quella degli Alice In Chains di oggi: fra ricordi dei tempi che furono e omaggi ai compagni di ventura scomparsi anzitempo, ci sentiamo di consigliare “Rainier Fog” giusto ai nostalgici dei primi anni 90, gli stessi che continuano a sventolare con forza i vessilli di Mudhoney, Pearl Jam o Mark Lanegan.

(13/09/2018)

  • Tracklist
  1. The One You Know
  2. Rainier Fog
  3. Red Giant
  4. Fly
  5. Drone
  6. Deaf Ears Blind Eyes
  7. Maybe
  8. So Far Under
  9. Never Fade
  10. All I Am
Alice In Chains su OndaRock
Recensioni

ALICE IN CHAINS

Black Gives Way To Blue

(2009 - Virgin)
Il ritorno della band di Seattle orfana di Layne Staley a quattordici anni dall'ultimo lavoro in ..

News
Alice In Chains on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.